La più antica stazione di Mosca sarà la più moderna

Nella prima metà del 2013 verranno completati i lavori di ristrutturazione dello scalo Leningradskij: saranno ricreati gli interni storici con l'aggiunta di sistemi di assistenza ai passeggeri e aperti ristoranti e boutique

Foto: ITAR-TASS, Alexey Fedoseev, Sergey Guneev, Sergey Kuznetsov, Vladimir
Astapkovich/RIA Novosti

La stazione ferroviaria “Leningradskij” è la più antica di Mosca. Fu costruita nel 1849 con il nome di “Nikolaevskij”, dal nome dello zar di allora, Nicola I. Nel 1923, fu rinominata “Oktjabrskij”, in onore della Rivoluzione bolscevica dell'ottobre del 1917. Solo nel 1937 ricevette il nome con cui è conosciuta oggi. Dalla stazione partono regolarmente treni per San Pietroburgo (in epoca sovietica la città si chiamava Leningrado), Velikij Novgorod, Helsinki e Tallinn.

In tutti questi anni, dalla sua costruzione, la stazione è stata ristrutturata solo una volta: nel 1934. Le attuali opere di ricostruzione interesseranno principalmente l'edificio storico, con il quale la stazione entrò in funzione nel XIX secolo. Si sta lavorando per ripristinare l'aspetto originale degli antichi appartamenti imperiali, in cui erano soliti soggiornare i membri della famiglia reale. Gli interni di questa parte della stazione furono demoliti durante i lavori di ricostruzione a cui fu sottoposto l’edificio in epoca sovietica.

Dmitri Pisarenko, capo del Dipartimento di comunicazione della Direzione delle stazioni ferroviarie delle Ferrovie russe (Rzd), ha dichiarato a Russia Oggi che durante il restauro verranno ripristinate le decorazioni originali dell'edificio. “Gli stucchi sui soffitti della stazione e le decorazioni storiche degli appartamenti reali all’interno dell’edificio riacquisteranno lo splendore che li caratterizzava nel XIX secolo”, ha sottolineato Pisarenko.

Boris Uborevich Borovskij, responsabile dello studio di architettura “Ub_design”, ritiene che il rifacimento degli interni della stazione sia una buona idea. “Il recupero del patrimonio storico della Russia sta ricevendo un grande impulso ultimamente, e i lavori alla stazione Leningradskij, da questo punto di vista, sono più che attuali giacché l'edificio originale della stazione costituisce un monumento architettonico”, afferma l’esperto.

“È importante ricordare che la stazione fa parte di un complesso architettonico in cui rientrano anche le vicine stazioni di Yaroslavskij e Kazanskij. L’edificio deve mantenere anche una certa unità architettonica con la stazione Moskovskij di San Pietroburgo. L’opera di restauro sarà efficace se riuscirà a mantenere l'integrità del complesso architettonico e a conferire una nuova funzionalità al vecchio edificio”, ha aggiunto.

Oltre a essere ristrutturata, la stazione verrà ampliata e modernizzata. Al piano terra verrà presto aperto un grande supermercato, mentre nella hall, al primo piano, un piccolo ristorante. Il secondo piano verrà destinato alla biglietteria, alle sale d'attesa e ai negozi. A lavori conclusi, la stazione potrà contare su due nuovi livelli. Si prevede di utilizzare anche lo spazio del tetto, aprendo un altro ristorante, a cielo aperto.

“A causa di un aumento del traffico ferroviario, la stazione è sottoposta a un carico sempre maggiore. E un allargamento della struttura rimane poco probabile - continua Boris Uborevich Borovskij. - Vi è un progetto molto più realistico di trasferire la stazione dal centro della città alla periferia, mentre l’edificio storico, considerato il suo valore architettonico, potrà essere utilizzato come spazio d'arte. Finché questo progetto non prenderà piede, la capacità della stazione di accogliere più passeggeri e di servirli in un modo migliore dipenderà dalla risoluzione o meno dei problemi di trasporto riguardanti i territori circostanti”.

A lavori conclusi, la stazione avrà anche bisogno di un nuovo sistema di informazioni per i passeggeri. Secondo Dmitri Pisarenko, negli edifici ristrutturati, verrà introdotta una nuova segnaletica che aiuterà i passeggeri a orientarsi nello spazio “allargato” della stazione. Tutti i cartelli saranno in due lingue: russo e inglese.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta