La pittura dal Volga raggiunge il Tevere

Un quadro di Sergej Konopelko, fra le opere in mostra.

Un quadro di Sergej Konopelko, fra le opere in mostra.

: ufficio stampa
La mostra di artisti russi e italiani sarà aperta al pubblico al Teatro dei Dioscuri di Roma dal 16 al 24 aprile 2016

La pittura, ponte tra la Russia e l’Italia. Il Teatro dei Dioscuri di Roma (via Piacenza, 1) ospita dal 16 al 24 aprile 2016 la mostra “Dal Volga al Tevere”: una “finestra aperta” sul panorama pittorico contemporaneo; un’esposizione eterogenea che, attraverso i quadri di 22 artisti, presenta lavori diversi per stile e tecniche, tutti però contaminati da un’unica radice culturale, che rende omaggio all’Italia grazie alla sensibilità artistica russa. Grazie alla pluralità delle tecniche e dei generi espressi, il gruppo, fanno sapere gli organizzatori, vuole promuovere la collaborazione e l’integrazione fra culture. “Un approccio grazie al quale l’arte diviene un mezzo per il confronto e il dialogo fra culture diverse di una stessa Europa”. La mostra si propone infatti come un’occasione culturalmente nuova per mettere a confronto similitudini e differenze artistiche fra Italia e Russia.

Alla mostra saranno esposti i lavori di Vera Baeva, Carlo De Benedictis,  Ekaterina Dmietrieva, Saverio Feligini, Ulijana Rodina, Grazia Palomba, Dmitri Strelkov, Sergej Konopelko, Elena Ryzhykh e altri artisti.

Inaugurazione, il 16 aprile alle 17.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta