A Mosca l’Italia vista dal punto di vista etnografico e antropologico

Attraverso i suoi scatti, il fotografo en nico (Alberto di Mauro) racconterà al pubblico russo il Belpaese, in una lezione che si terrà il 1° aprile 2016

La Commissione Etnografica e Antropologica del MTs RGO (Dipartimento moscovita della Società geografica russa) ha organizzato una serata interamente dedicata all’Italia. Il 1° aprile 2016 alle 18, nella sede Moskovskij Lektorij (Novaya Ploshad 10/2) si svolgerà la lezione L’Italia sconosciuta vista con gli occhi del fotografo en nico (Alberto di Mauro, tra le altre cose direttore esecutivo del festival del cinema Nice). 

Se esiste un marchio che fa riconoscere l’ Italia, questo è dato proprio dalla sua stratificazione di differenti culture dovuta sia al suo territorio quanto mai variegato che va dalle alte vette alpine e appenniniche sino al mare, oltre che dalla sua posizione geografica che la colloca nel mezzo del Mediterraneo, ancorata tuttavia al continente europeo. 

L’Italia è così divenuta punto di riferimento per popolazioni che nel corso dei secoli l’hanno eletta come luogo di abitazione, lasciando testimonianze importanti. 

Il fotografo en nico (Alberto di Mauro) osserva e interpreta la realtà circostante attraverso l’occhio attento del suo obiettivo. E durante l’incontro condividerà con il pubblico in sala la propria esperienza.

La lezione si svolgerà in due lingue, russo e italiano, con la traduzione di Stefania Zini, presidente della Commissione.

Per maggiori informazioni: www.rgo.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta