Da Venezia, il mondo visto con gli occhi di Arici

Enzo Cucchi e Maurizio Cattelan

Enzo Cucchi e Maurizio Cattelan

Graziano Arici
Dal 16 febbraio al 17 marzo 2016 Mosca ospita la mostra “Graziano Arici. Venezia. La cultura del mondo ed i suoi volti” dedicata ai lavori del fotografo veneto. Il 20 febbraio l’artista incontrerà il pubblico per raccontare la sua esperienza

Il 16 febbraio alle 19 nella sala espositiva del “Manezh” (Manezhnaja ploschad 1, Mosca) si inaugura la mostra di fotografia “Graziano Arici. Venezia. La cultura del mondo ed i suoi volti".

La mostra, organizzata congiuntamente con MAMM e Istituto Italiano di Cultura di Mosca, si svolge nell’ambito dell’XI mese internazionale della fotografia a Mosca “FOTOBIENNALE 2016” e rimarrà aperta fino al 17 marzo 2016.

Fonte: Dall'archivio di Graziano Arici

Graziano Arici, veneziano, è uno dei più importanti reporter, fotografi e archivisti d’Italia. Nel 2012 è stato il primo fotografo a essere nominato socio dell’Ateneo Veneto, prestigiosa ed antica associazione culturale veneziana istituita nel 1812. Gli scatti e i reportage di Graziano Arici sono stati pubblicati nelle principali riviste internazionali.

Graziano Аrici si è laureato in sociologia, ma al termine degli studi si è dedicato alla fotografia. Per diversi decenni ha realizzato la cronaca fotografica di tutti i principali eventi artistici e culturali svoltisi a Venezia: le Biennali d’arte e di cinema, spettacoli, concerti e mostre. Аrici collabora con i migliori teatri e centri d’arte della città: Teatro La Fenice, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, documenta le storie legate ai grandi cantieri e agli scavi archeologici che si sono svolti nella laguna.

Keith Haring. Credit: Graziano Arici

Durante i suoi numerosi e frequenti viaggi, Arici testimonia attraverso i suoi scatti gli eventi più importanti e interessanti sulla scena europea. Nel 1989 ha condotto un reportage da Berlino nei giorni della caduta del muro, nel 1994 ha documentato i cambiamenti avvenuti nei grandi centri artistici della Germania dell'Est. Negli anni 1995-1996 ha viaggiato in Bosnia e Croazia, testimoniando come cultura e cinema vivano anche in tempo di guerra.

Fonte: Dall'archivio di Graziano Arici

Una delle attività di maggiore spicco nella vita di Graziano Аrici è data dal suo straordinario archivio, che conta oggi circa un milione di immagini, con ritratti di celebrità del mondo dell'arte, della musica, del teatro e del cinema da Le Corbusier a Jean Cocteau, a Salvador Dalì, ad Andrej Tarkovskij, a Sofia Loren, a Walt Disney, molti dei quali realizzati dallo stesso Arici. Questo archivio ha il merito di essere uno delle raccolte più grandi in Italia con materiali sulla cultura, la storia, l'architettura e la vita quotidiana di Venezia, dall’Ottocento fino ai giorni nostri.

Domenica 20 febbraio alle ore 15 Graziano Arici racconterà della sua esperienza nella sala audiovisivi del MAMM, ul. Ostozhenka 16, Mosca.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta