Tracce russe della Grande Guerra nel Tirolo

Una conferenza dedicata agli aspetti sociali e umanitari della guerra, illustrando i destini dei prigionieri russi in Alto Adige e dei prigionieri tirolesi in Russia. Appuntamento il 5 luglio 2014 presso la Libera Università di Bolzano

Dal 2012 il Centro Russo Nadezhda Ivanovna Borodina di Merano dirige il pluriennale progetto internazionale “Pagine sconosciute della Grande Guerra: la memoria tirolese”, dedicato al centenario della prima guerra mondiale. Un progetto voluto per conservare la memoria della Grande Guerra, e soprattutto della memoria dei soldati russi che durante la guerra soffrirono e trovarono la morte in Alto Adige e in Trentino.

Dopo la conferenza internazionale “Italia, Austria e Russia nella Grande Guerra: la memoria tirolese”, svoltasi a Merano, il 5 luglio 2014 presso la Libera Università di Bolzano si terrà la conferenza regionale “Tracce russe della Grande Guerra nel Tirolo”. Un appuntamento dedicato agli aspetti sociali e umanitari della guerra dimenticata, illustrando i destini dei prigionieri russi in Alto Adige e dei prigionieri tirolesi in Russia. All’evento parteciperanno storici militari e locali, membri di associazioni storiche altoatesine e trentine.

Tra i relatori ci saranno Maurizio Vicenzi, direttore del museo della Grande Guerra di Pejo, Mederle Oswald, Rupert Gietl, Georg Tengler, Elffriede Perathoner, Giovanni Teranova e altri esperti altoatesini. I risultati della spedizione di ricerca saranno illustrati da D. Sadovnikov, rappresentante dell’associazione russa storico-militare. Specialisti russi del settore presenteranno un’analisi delle indagini sul fronte tirolese fatte utilizzando fonti russe e interverranno sui destini dei prigionieri austro-ungarici e tedeschi in Siberia. Moderatore della conferenza e il Dott. Gustav Pfeifer, vicedirettore dell’Archivio provinciale di Bolzano.

La seconda parte della conferenza consisterà in un dibattito aperto, a cui tutti gli interessati sono invitati a partecipare e a intervenire sul tema della memoria della tragedia umana della Grande Guerra. 

Il progetto “Memoria tirolese” andrà avanti fino al 2018. Nel corso della sua realizzazione si mira a raccogliere tutte le informazioni reperibili, a immortalare la memoria della tragica guerra e a onorare tutte le vittime, in previsione del fatto che il giorno del suo centenario tutta l’umanità celebrerà la fine della prima guerra mondiale.

Per vedere il programma completo della conferenza, cliccare qui

Per maggiori informazioni:
www.borodinacr.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta