Arte in versione "speed date" a Mosca

Il 29 maggio 2014 il Mel Space di Krasnyj Oktjabr ospiterà un evento unico, durante il quale il pubblico avrà la possibilità di dialogare con l’artista Andrey Noda

Il Mel Space di Krasnyj Oktjabr a Mosca ospita un nuovo e unico appuntamento con l’arte. Il 29 maggio 2014 la giovane curatrice di arte contemporanea, Giulia Cavagnis, presenterà il lavoro di Andrey Noda, artista originario di Alma Ata. L’originalità dell’evento sta nella sua durata “effimera”: il pubblico avrà a disposizione poche ore, dalle 17 alle 21, per dialogare con l’artista e innamorarsi di una sua opera. L’appuntamento è il numero “0” di una serie di analoghi incontri tra pubblico e artista che si svolgeranno a Mosca nei prossimi mesi.

Il crescente numero di esposizioni d’arte contemporanea ha portato a riflettere sull’effettivo coinvolgimento di un pubblico sottoposto a continue e spesso tra loro contraddittorie informazioni visive, che si rivelano molto spesso aride e di difficile comprensione. L’assenza di un reale supporto che permetta di far comunicare pubblico e artista crea una sorta d’intimidazione delle forme d’arte del XX secolo che sembrano sempre più complesse. Volontà del curatore è quello di sperimentare un nuovo ponte di comunicazione tra pubblico, arte e artista, e in tal modo ristabilire un canale di comprensione e divulgazione feconda.

Il nuovo format dell’Art Speed Date, che riprende ironicamente la terminologia dello strumento per incontrare in sette minuti un potenziale partner, è stato sperimentato con successo, sebbene con modalità diverse da quella in programma a Mosca, a Palazzo Madama a Torino, dove il focus veniva fatto sull’opera.

Giulia Cavagnis ha deciso di trasformare ulteriormente il concetto e trasporre il format dal piano dell’opera tout court a quello di un dialogo a più ampio raggio, creando le condizioni per incontrare e condividere idee con altri appassionati d’arte, conoscere personalmente l’artista, osservare da vicino i suoi lavori e, chissà, innamorarsi di un’opera in sette minuti.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta