A Milano il Gran Festival del Cinema Muto rende omaggio ai maestri dell'Est

In cinque diverse location, dall'11 settembre al 4 ottobre 2013 verranno proiettati i capolavori di registi sovietici degli anni Venti e Trenta

Sarà interamente dedicata ai maestri del cinema russo degli anni Venti e Trenta la quarta edizione del Gran Festival del Cinema Muto, che si terrà in cinque diverse location milanesi dall’11 settembre al 4 ottobre 2013. Organizzata dal Centro Musica Contemporanea in collaborazione con Fondazione Cineteca, la kermesse si aprirà l’11 settembre 2013 al Teatro Del Verme con la proiezione de “La corazzata Potemkin” di Sergei Ejzenstejn (1925).

La proiezione sarà commentata in sala dai Pomeriggi Musicali diretti Alessandro Calcagnile nell’esecuzione di una partitura appositamente composta da Rossella Spinosa.

La manifestazione si sposerà poi allo Spazio Oberdan, dove il 15 settembre 2013 verranno proiettati altri capolavori del cinema muto sovietico: “Ottobre” (S.M. Ejzenstejn, 1927), girato per celebrare i dieci anni della rivoluzione bolscevica del 1917; la commedia ironica “Le avventure di Mr West nel paese dei bolscevichi” (L. Kuleshov, 1924); “La terra” (A. Dovzhenko, 1930) e “La madre” (V. Pudovkin, 1926).

I film saranno accompagnati dall’esibizione dal vivo di Rossella Spinosa, con la collaborazione degli Artisti del Centro Musica Contemporanea per la parte di elettronica, su musiche composte dalla stessa Spinosa.

Il Politecnico di Milano e il Museo del Novecento ospiteranno poi alcuni appuntamenti a ingresso libero: “L’uomo con la macchina da presa” (D. Vertov, 1929), e una conferenza dedicata ai rapporti fra Ejzenstejn e il compositore Sergei Prokofev, a cui seguirà la proiezione di “Aleksandr Nevskij” (S.M. Ejzenštejn, 1938), film musicato dallo stesso Prokofev.

Per maggiori informazioni:
www.cinemamuto.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta