Ad Asolo il meglio del cinema russo

Il Festival, dedicato ai film dei più grandi registi dell'Est, torna dal 31 agosto al 4 settembre 2013 al teatro Eleonora Duse

Si accendono i riflettori sul Festival del Cinema russo di Asolo (Treviso). Dal 31 agosto al 4 settembre 2013, al Teatro Eleonora Duse della cittadina veneta torna una nuova edizione della rassegna, che porterà al cinema alcune tra le pellicole de più grandi registi dell’Est.

Il Festival, promosso dal Ministero della Cultura e di quello degli Affari Esteri della Federazione Russa, insieme alla Direzione dei Programmi Internazionali e al “Foro di dialogo Italia e Russia”, inizierà il 31 agosto 2013 alle 18.

Dopo il taglio del nastro farà seguito la proiezione di “Ammiraglio”, biografia e dramma di un ammiraglio della marina zarista russa, Aleksandr Kolchak, fucilato nel 1920 dai bolscevichi, per la regia di Andrei Kravchuk. Il regista, 48 anni, di San Pietroburgo, parlando della sua pellicola ha detto: “È molto importante parlare della storia del nostro Paese e dei nostri ufficiali. Così riscopriamo la dignità e la nozione di patria”. 

Domenica 1° settembre 2013 sarà la volta del documentario “Il crepuscolo degli Dei” di Sergei Miroshnicenko. 

Il giorno seguente, sempre alle 18, l’appuntamento sarà con il regista Karen Shakhnazarov e il suo “Impero Scomparso”. Shakhnazarov regista, sceneggiatore e produttore cinematografico di grande fama è direttore generale e presidente del consiglio d’amministrazione del consorzio cinematografico “Mosfilm”. È inoltre artista emerito del Popolo della Russia, vincitore del Premio Statale della Federazione Russa, vincitore del premio dei Fratelli Vassilliev, vincitore del premio del Komsomol Lenin (Unione comunista della gioventù), nonché membro dell’Accademia Cinematografica Europea.

Martedì 3 settembre 2013 il teatro Duse proietterà film di animazione dello studio Pcela. Mercoledì 4 settembre 2013 alle 18 la rassegna si chiuderà con la biografia “Dostoevskij”, diretta da Vladimir Khotinenko. Il grande scrittore russo viene presentato non solo come letterato e filosofo, ma anche come entusiasta passionale, con le proprie debolezze e i propri dubbi, travolto da moltissimi sentimenti della natura umana come amore, gelosia, sofferenza e gioia.

Il Festival è a ingresso gratuito e conta il patrocinio della Provincia di Treviso e del Comune di Asolo.

Per maggiori informazioni:
www.asolo.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond