Capital of Nowhere, artisti russi in mostra a Venezia

L'esposizione raccoglierà i lavori di alcuni giovani di San Pietroburgo e verrà allestita dal 27 maggio al 10 luglio 2013

Un paesaggio in perenne trasformazione. Una trasformazione percepita come un “trauma”, derivante dal cambiamento industriale, urbano, architettonico. Dal 27 maggio al 10 luglio 2013 la Cultural Flow Zone dell’università Ca’ Foscari di Venezia, allestita alle Zattere (Dorsoduro 1392, fermata del vaporetto: Zattere), ospita "Capital of Nowhere": la mostra collettiva di artisti di San Pietroburgo dedicata alle esperienze di vita nel paesaggio in perenne trasformazione della civiltà mediatica.

In una realtà interpretata come uno schermo in continuo aggiornamento, in cui “la pubblicità si contamina con la politica, le fantasie del futuro con la storia, i documenti con la finzione”, la realtà legata al luogo e al tempo finisce così per sparire.

Le opere in mostra riflettono gli effetti dell’industrializzazione,  dell’urbanizzazione, delle rivoluzioni, delle guerre, della costruzione e ricostruzione. 

L’esposizione presenta opere di Anna Frants, Elena Gubanova & Ivan Govorkov, Marina Koldobskaya, Vitaly Pushnitsky,  Peter Belyi, Aleksandr Terebenin, Petr Shvetsov, Ludmila Belova, Aleksandra Dementieva e del Collettivo Kurvenschreiber.

Per maggiori informazioni:
www.unive.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond