Da Venezia, il cinema italiano a San Pietroburgo

Dal 14 al 18 marzo 2013 il cinema Dom Kino ripropone una selezione dei film italiani presentati alla 69ma edizione della Mostra del Cinema
La locandina dell'evento

Dopo Mosca, anche San Pietroburgo avrà la possibilità di ammirare i film della 69ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Dal 14 al 18 marzo 2013 il cinema Dom Kino della Venezia del Nord (Karavannaja ul. 12, www.domkino.spb.ru) presenta infatti la nuova edizione della rassegna “Da Venezia a San Pietroburgo”: un'attenta selezione di 13 film prodotti nel 2012, in concorso al Festival del Cinema. Un’occasione per capire l’Italia di oggi, i cambiaamenti che sono in atto, sogni e speranze del suo popolo.

Alle proiezioni saranno presenti in sala il regista Luigi Lo Cascio, autore di “La città ideale” e Ivano Di Matteo, che ha firmato “Gli equilibristi”. I film saranno proiettati in lingua originale, con i sottotitoli in russo.

 

 

Di seguito, il programma dell'evento:

14 marzo 2013
19.00 Cerimonia d’apertura
“Equilibristi”, incontro con il regista Ivano De Matteo (Sala Grande)

15 marzo 2013
18.20 “Un giorno speciale” di Francesca Comencini (Sala Grande)
20.00 “È stato il figlio” di Daniele Cipri  (Sala Grande)
19.00  “Sfiorando il muro” (documentario) di Silvia Giralucci, Luca Riccardi (Sala Bianca)
“La sala” (Cortometraggio) di Alessio Giannone
“Clarisse” (documentario) di Liliana Cavani

16 marzo 2013
17.20 “L’intervallo” di Leonardo di Costanzo (Sala Grande)
19.00 “La città ideale” incontro con il regista Luigi Lo Cascio (Sala Grande)

17 marzo 2013
19.30 “Bella addormentata” di Marco Bellocchio (Sala Grande)
17.30  “Convitto Falcone” di Pasquale Scimeca (Sala Bianca)
“Come voglio che sia il mio futuro?” (documentario) di M. Zaccaro, Ermanno Olmi

18 marzo 2013
18.20 “Medici con l’Africa” (documentario) di Carlo Mazzacurati (Sala Grande)
20.00 “La nave dolce” (documentario) di Daniele Vicari  (Sala Grande)

Per maggiori informazioni:
www.conssanpietroburgo.esteri.it
www.domkino.spb.ru 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta