La "Patetica" di Tchaikovsky risuona a Roma

La Sinfonia n. 6 in Si minore, l'ultima composta dall'artista russo, verrà riproposta a Roma dall’orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia il 16, il 18 e il 19 marzo 2013

L’ultima sinfonia di Petr Tchaikovsky, eseguita per la prima volta pochi giorni prima della sua morte, nel 1893, viene riproposta a Roma dall’orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia il 16, il 18 e il 19 marzo 2013.

Diretta da Antonio Pappano, con il mezzosoprano Sonia Ganassi, l’orchestra interpreterà la sinfonia n.6 “Patetica” scritta, secondo la tradizione, durante le ultime settimane di agonia del grande maestro russo.

“Credo che mi sarà dato di scrivere una sinfonia esemplare: così probabilmente lotterò fino all'ultimo respiro per raggiungere la perfezione senza mai riuscirvi”: così scriveva Tchaikovsky una paio di anni prima di morire, nel disperato tentativo di raggiungere l’agognata, quanto mai impossibile, perfezione.

La morte del compositore pochi giorni dopo la prima esecuzione de la “Patetica”, fa di questa composizione una sorta di “testamento artistico”, riproposto oggi all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Il prezzo dei biglietti varia da 19 a 52 euro. I biglietti possono essere acquistati anche presso il botteghino Auditorium Parco della Musica (viale Pietro De Coubertin, infoline: 068082058).

Per maggiori informazioni:
www.santacecilia.it 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie