La tradizione militare al festival Spasskaya Bashnya

Sbandieratori, orchestre e musicisti alla tradizionale manifestazione di musica militare di Mosca, dal 30 agosto al 7 settembre 2014. Sul palco anche un gruppo di sbandieratori italiani

Oltre 1.500 partecipanti. Tra musicisti militari, sbandieratori e soldati delle compagnie della guardia onoraria dei capi di Stato di vari paesi. Dal 30 agosto al 7 settembre 2014 la Piazza Rossa di Mosca ospiterà il festival internazionale di musica militare “Spasskaya Bashnya”, che quest’anno vedrà anche la partecipazione di un gruppo di sbandieratori italiani. Giunto alla sesta edizione, il festival riproporrà, oltre alle canoniche esibizioni quotidiane, anche l’esecuzione di un mix di brani eseguiti da tutti i partecipanti uniti in un’unica grande orchestra. Sullo sfondo, un colorato spettacolo 3D-mapping e una suggestiva manifestazione pirotecnica. 

Al festival parteciperanno la leggendaria cantante francese Mireille Mathieu e l’acrobata equestre francese Lorenzo. Un team congiunto formato dalla scuola di equitazione del Cremlino e dalla scorta d'onore di cavalleria del Reggimento presidenziale delizierà il pubblico con performance equestri.

Per i visitatori più giovani, il 29 agosto, nell’ambito del programma "Spasskaya Bashnya per i bambini", in Piazza Rossa verrà allestito uno speciale parco giochi dove i più piccoli potranno familiarizzare con la tradizione militare russa e lo sport equestre e prendere parte a diversi laboratori, quiz e altre attività.

Il 6 settembre inoltre un corteo musicale sfilerà lungo la Tverskaya Ulitsa e il 7 settembre le varie orchestre si esibiranno nei parchi della capitale.

Il 21 agosto inoltre, presso il Museo della Storia, verrà inaugurata la mostra internazionale "La prima guerra mondiale. L’ultimo conflitto dell'Impero russo”, mentre il 28 agosto aprirà la mostra "Guardare la guerra negli occhi. La Russia nella prima guerra mondiale" presso l'Archivio di Stato della Federazione Russa.

Per maggiori informazioni:
www.kremlin-military-tattoo.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta