La metro di Mosca si lancia nella ristorazione

A breve nei centri intermodali passeggeri nasceranno nuovi esercizi commerciali che spazieranno dalla cucina cinese a quella italiana

La metropolitana di Mosca allarga i propri orizzonti. E lancia una nuova sfida: così come riporta il giornale Izvestia, la metropolitana della capitale russa a breve potrebbe inaugurare, con un proprio marchio, dei veri e propri ristoranti all’interno della sua rete.

I locali dovrebbero sorgere nei centri intermodali passeggeri in progetto, che saranno costruiti su più livelli, uno dei quali interamente destinato alla Moskovsky Metropoliten.

L’offerta di ristoranti spazierà dalla cucina russa a quella asiatica, dall’italiana alla giapponese: scelte che il marchio “M” deciderà sulla base della posizione strategica dei singoli esercizi. “Il prezzo del cibo non sarà molto diverso da quello di mercato”, ha detto a Izvestia l’esperto dell’organizzazione “Città e trasporto”, Vladimir Sviridenkov.

Attualmente la metropolitana di Mosca conta già una catena di bistrot, gli “M – Metrocafè”, attivi dal 2011, e presenti in una decina di stazioni.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta