Cittadinanza russa anche per Brigitte Bardot?

Dopo Gérard Depardieu, rifugiatosi nella Federazione per questioni fiscali, anche l’attrice francese minaccia di fare le valigie e partire verso Est se non saranno salvati due elefanti di Lione

Dopo Gérard Depardieu, ora tocca a Brigitte Bardot. L’attrice francese, per salvare dall’eutanasia due elefanti a Lione, ha infatti minacciato di lasciare la Francia. Con un biglietto di sola andata per la Russia.

Sembra essere questa la nuova arma di ricatto dei vip francesi: abbandonare la patria, per correre al riparo all’ombra del Cremlino. È successo con Gérard Depardieu, volto di Obelix al cinema, che all’inizio di gennaio 2013 ha ottenuto dal Presidente russo Vladimir Putin la cittadinanza russa. Manna dal cielo per fuggire dalla maxi tassa prevista d’oltralpe per i ricchi.

Ora la provocazione arriva anche dall’attrice, che a una rivista francese ha dichiarato di essere intenzionata a fare le valigie, se i due pachidermi non avranno salva la pelle. Destinazione? La patria degli zar.

La Bardot avrebbe scritto personalmente una lettera al presidente francese Hollande, chiedendo un po’ di pietà per i due animali. “Non ho ricevuto alcuna risposta”, ha affermato, precisando per questo di non sostenere più il suo Paese natale. Le simpatie dell’attrice sarebbero invece tutte rivolte verso il leader del Cremlino Vladimir Putin, che lei stessa ha definito “molto umano”. “Per la tutela degli animali ha fatto molto di più lui di tutti i nostri presidenti”, ha affermato, precisando anche che nella Federazione non è prevista la festa del sacrificio musulmano Aid-el-Kebir.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta