Putin alla prova di Sochi

Tutte le infrastrutture per i Giochi Olimpici di Sochi sono pronti per essere testati, come assicura il capo del Comitato Olimpico Aleksandr Zhukov (Foto: Itar-Tass)

Tutte le infrastrutture per i Giochi Olimpici di Sochi sono pronti per essere testati, come assicura il capo del Comitato Olimpico Aleksandr Zhukov (Foto: Itar-Tass)

Il capo del Comitato olimpico russo ha invitato il Presidente a testare le piste olimpiche pronte per i Giochi invernali del 2014

Il capo del Comitato olimpico della Russia Aleksandr Zhukov ha dichiarato che praticamente tutti gli impianti necessari alle Olimpiadi di Sochi sono pronti e ha invitato il Presidente della Federazione russa Vladimir Putin alle gare di prova.

Nell’incontro con il capo di Stato, Zhukov ha fatto notare che a Sochi nei siti olimpici avranno luogo molte competizioni di prova e per giunta di altissimo livello; in particolare a dicembre 2012 si svolgerà la finale del Grand Prix di pattinaggio artistico.

“E secondo lei tutti gli impianti saranno pronti?”, ha domandato Putin. “Siamo certi che saranno pronti. È molto importante per gli atleti russi. I nuovi impianti offrono la massima agevolezza per gli allenamenti. Abbiamo anche creato alcune squadre sperimentali che lavorano affinché le strutture contribuiscano il più possibile a preparare efficacemente gli atleti”, ha risposto Zhukov.

Il Presidente ha voluto puntualizzare: “E le infrastrutture?”. “Tutte le infrastrutture sono quasi pronte. La ferrovia a breve dovrebbe entrare in funzione. La costruzione dell’autostrada sta per essere ultimata. Direi che queste sono le cose fondamentali”, ha precisato il capo del Comitato.

“Andiamo, è da tempo che non ci vado, andiamo e vediamo un po’”, ha ribadito Putin. Zhukov ha risposto con l’invito per il Capo del governo ad assistere alle competizioni di prova. “Penso che sia molto interessante. Inizieranno a dicembre. Ce ne saranno molte anche a gennaio e a febbraio 2013. Di fatto durante tutta la stagione ci saranno gare di prova di altissimo livello. Si potrà anche andare a guardarle”, ha sottolineato Zhukov. 

Le gare di prova
Zhukov ha fatto notare che nella Federazione sono comparsi molti giovani sportivi di grande talento e ha espresso la speranza che questa stagione diventi un gradino importante per la preparazione delle competizioni di Sochi.

“Praticamente tutti gli impianti olimpici saranno messi in funzione nelle gare di prova di altissimo livello. Ovviamente è di straordinaria importanza che gli atleti abbiano la possibilità di iniziare fin da ora la preparazione alle Olimpiadi sui siti appositi”, ha notato il Capo del comitato organizzatore.

Zhukov riferisce che sono da poco iniziati gli allenamenti sulla pista da bob e slittino; nel 2011 erano state preparate le piste da sci alpino, mentre quelle per lo sci di fondo e lo stadio del biathlon “saranno pienamente funzionanti da quest’anno. Le squadre e gli sportivi si stanno preparando con programmi individuali e consideriamo queste gare di prova come una tappa importantissima verso le Olimpiadi”, ha affermato Zhukov.

Lezioni olimpiche
Zhukov ha anche ricordato che nel 2011 è iniziato il programma “Lezioni olimpiche a scuola”; al momento si sono già svolte più di mille lezioni con la partecipazione di celebri atleti e campioni olimpici.

“Ho preso parte alcune volte a queste lezioni. Quando i bambini vedono dal vivo i campioni olimpici e gli atleti hanno gli occhi che brillano. Sono sicuro che dopo quest’esperienza molti di loro inizieranno a interessarsi di sport e a praticarlo”, ha affermato il capo del Comitato.

Inoltre, ha aggiunto Zhukov, è stato pubblicato un manuale speciale per le scuole sulla storia delle Olimpiadi e il capo del Comitato ritiene che questa iniziativa sarà continuata: “Stiamo iniziando anche un altro programma per le grandi masse di appassionati di sport, legato alla creazione di una fan zone in varie città del Paese durante le competizioni più importanti”, ha precisato Zhukov.

C’è già stato un precedente durante le Olimpiadi di Londra. “Ha funzionato benissimo: le persone si riuniscono negli stadi e guardano sui grandi schermi le dirette, fanno il tifo, sostengono gli atleti. Mi pare che anche questo sia molto importante per la diffusione dello sport”, ha fatto notare Zhukov.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta