Gelo record a Novosibirsk

Nella capitale della Siberia per quasi due settimane si è protratta un'ondata di gelo con punte di meno 40° C. Il segreto per sopravvivere

Nella capitale della Siberia per quasi due settimane si è protratta un'ondata di gelo con punte di meno 40 °C e oltre. Ecco come i siberiani sopravvivono a un freddo simile. 

A causa dell'ondata di gelo, a Novosibirsk il funzionamento dell'aeroporto ha subito più volte disagi e interruzioni, la stazione degli autobus è rimasta a lungo chiusa e sono state cancellate le corse interurbane; i taxi non hanno lavorato e un terzo degli autobus di linea cittadini non hanno potuto circolare.  

Ciò nonostante, Novosibirsk non perde il suo ottimismo, e anzi ha preparato anche il Capodanno: sulla riva del fiume Ob è stata costruita una cittadella di ghiaccio.

Vestirsi alla moda
Quando la colonnina di mercurio scende sotto i meno 30 o i meno 40 gradi Celsius, è il momento giusto per pensare alle tendenze moda della stagione. Alcune belle ragazze di Novosibirsk raccontano cos'è cool quando il tempo è così freddo.

"Il mio segreto, - sorride Maria, una giovane collaboratrice dell'Istituto di Storia che abita nell'Akademgorodok, - sono i valenki (tradizionali stivali di feltro), i pantaloni e un gilet di lana di cammello. Ho caldo persino a meno 40!... E poi, cosa c'è di più bello dei meno 40 con un leggero venticello?".

"Mi faccia contare... - dice pensierosa Nastja, bibliotecaria ventenne, - Tre paia di collant, quattro paia di calzini, i pantaloni e gli stivali. Tre maglie. Uscire di casa solo con un piumino ben caldo, col cappello, il cappuccio e due sciarpe, lasciando scoperta solo una stretta fessura per gli occhi. A casa lo schema è quasi lo stesso, ma senza il piumino e gli stivali".

Fare degli esperimenti di fisica
Molti abitanti di Novosibirsk hanno deciso che il gelo anomalo del dicembre 2012 era un'ottima occasione per scoprire che cosa succede se si versa dell'acqua bollente dal balcone con una temperatura esterna di meno 40 gradi.

Uno di loro ha persino girato un filmato dell'esperimento e lo ha pubblicato su YouTube. In una settimana, il video è stato visualizzato un milione e mezzo di volte e ha scioccato gli stranieri: Damien Gayle, giornalista del tabloid britannico The Daily Mail, ha scritto un pezzo particolareggiato su "come creare la nebbia alla russa".

"Questo incredibile video mostra come un russo riesce a produrre una nebbia istantanea, gettando una pentola piena d'acqua bollente dal suo balcone", scrive sorpreso Damien Gayle.

In realtà, nel video lo sperimentatore di Novosibirsk non getta la pentola, ma la nebbia che ne ottiene è davvero impressionante. "Non cercate di ripetere l'esperimento a casa vostra: probabilmente, nel luogo in cui vi trovate non fa abbastanza freddo", aggiunge il giornalista britannico.

Andare a correre
Gli elefanti indiani hanno mostrato a tutto il mondo cosa conviene fare se si viene sorpresi, durante un viaggio, da un gelo a meno quaranta gradi. Il 13 dicembre 2012 nei pressi di Novosibirsk si è incendiato un tir che trasportava questi animali amanti del caldo, appartenenti a un circo in tournée.

Per salvare gli elefanti, il domatore li ha fatti uscire dal tir in fiamme e ha cominciato a farli correre in un campo innevato, perché non si raffreddassero. I soccorritori al loro arrivo hanno spento l'incendio e hanno portato gli elefanti, sotto choc per le condizioni ambientali, nell'autorimessa di un vicino istituto tecnico.

Nel garage agli animali è stata somministrata per riscaldarli dell'acqua tiepida con aggiunta di vodka.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta