Incidente aereo a Vnukovo

Il Tupolev Tu-204 che si è schiantato a ridosso dell'aeroporto di Vnukovo, a Mosca, durante la fase di atterraggio (Foto:  RIA Novosti)

Il Tupolev Tu-204 che si è schiantato a ridosso dell'aeroporto di Vnukovo, a Mosca, durante la fase di atterraggio (Foto: RIA Novosti)

Un Tupolev Tu-204, proveniente dalla Repubblica Ceca, si è schiantato e incendiato sull'autostrada a ridosso dell'aeroporto moscovita durante la fase di atterraggio. Cinque morti - AGGIORNAMENTI

Quattro persone sono morte durante la fase di atterraggio di un aereo nell’aeroporto Vnukovo di Mosca il 29 dicembre 2012, come riferisce il rappresentante del Ministero degli Interni della Federazione Russa.

L’aereo, un Tupolev Tu-204, partito dalla Repubblica Ceca, è andato fuori pista e ha preso fuoco. Stando alle prime informazioni, a bordo viaggiavano 8 membri dell’equipaggio: di questi quattro sono morti e gli altri quattro sono rimasti feriti.

Il presidente Vladimir Putin e il primo ministro Dmitri Medvedev sono stati informati dell’accaduto. È stato aperta un'inchiesta penale. Da una prima ricostruzione pare che la causa della tragedia sia collegata a un errore dei piloti.

Fonte: La Voce della Russia

+++ AGGIORNAMENTI +++

L'aereo passeggeri era partito da Parbubice, nella Repubblica Ceca. Il velivolo, prodotto nel 2008, appartiene alla compagnia low cost russa Red Wings dell'imprenditore russo Aleksandr Lebedev. A bordo vi erano 12 membri di equipaggio e nessun passeggero. Altre fonti parlano di 11 persone, 7 passeggeri e 4 membri dell'equipaggio.

Tra le vittime ci sarebbe il capitano dell'aereo, Shmelyov, il secondo pilota, Ostashenko, e una donna di 27 anni, deceduta dopo il trasporto in ospedale.

Si apprende che il Tupolev, costretto a un atterraggio di emergenza, dopo un primo tentativo non riuscito, alle 16.35 (ora locale), abbia superato le recinzioni dell'aeroporto e sia finito sull'autostrada Kievskoye, a ridosso dello scalo di Vnukovo, spezzandosi in tre parti e prendendo fuoco.

L'incendio sarebbe stato subito domato. L'autostrada è stata chiusa al traffico e tutti i voli in arrivo a Vnukovo sono stati dirottati sull'aeroporto di Sheremetyevo.

 

+++ AGGIORNAMENTI 30 DICEMBRE 2012

L'aeroporto Vnukovo di Mosca è di nuovo in funzione dopo l'incidente dell'aereo Tu-204: è stato comunicato dalla Protezione Civile russa. Inoltre è stato ristabilito il traffico delle auto nella zona dell'aeroporto.

Sabato 29 dicembre 2012 l'aereo Tu-204 era uscito dalla pista dell'aeroporto Vnukovo di Mosca e si era incendiato, durante la fase di atterraggio.

Secondo i dati del Ministero degli Interni, 4 persone sono morte; in totale a bordo c'erano 8 persone.

Fonte: La Voce della Russia

 

+++ AGGIORNAMENTI 30 DICEMBRE, ORE 21 ITALIANE

Il bilancio delle vittime dello schianto del Tupolev Tu-204 all'aeroporto moscovita di Vnukovo è salito a 5. Intanto gli esperti continuano a interrogarsi sui motivi che hanno portato al disastro aereo del 29 dicembre 2012. Restano gravi le condizioni dei feriti: sul velivolo viaggiavano 12 membri dell'equipaggio.

Tre le ipotesi più realistiche riguardo le cause dell'incidente ci sono un guasto tecnico, condizioni meteorologiche avverse o l'errore umano.

La Commissione dell'Aviazione Internazionale ha aperto un'inchiesta e sta analizzando le informazioni tratte dai dati di volo recuperate dalla scatola nera, insieme alle registrazioni vocali nella cabina di pilotaggio e i colloqui con la torre di controllo. Sono stati prelevati anche campioni di carburante dell'aereo per l'analisi.

L'imprenditore russo Aleksandr Lebedev proprietario della compagnia low cost russa Red Wings alla quale apparteneva l'aereo, via Twitter ha promesso di dare aiuto materiale alle famiglie delle vittime. Le autorità di Mosca annunciano un risarcimento per un milione di rubli.

Il Ministero dei Trasporti ha reso noto che a bordo si trovava un equipaggio esperto con 10-15mila ore di volo e che l’aereo era stato sottoposto alle ultime manutenzioni tecniche il 14 dicembre 2012 senza che fossero rilevate anomalie.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta