Mosca, il giorno dopo la “fine del mondo”