Putin: “Vogliamo un futuro prosperoso”

Il Presidente russo Vladimir Putin durante il suo discorso in Parlamento (Foto: Ria Novosti)

Il Presidente russo Vladimir Putin durante il suo discorso in Parlamento (Foto: Ria Novosti)

Il Presidente russo, intervenuto in Parlamento con l'annuale messaggio all'Assemblea Federale, ha parlato di politica, corruzione e democrazia. Dichiarando: "Lavoriamo per una Russia ricca e libera dalla corruzione"

Davanti a milioni di telespettatori, il Presidente russo Vladimir Putin il 12 dicembre 2012 è intervenuto in Parlamento con il messaggio annuale all'Assemblea Federale: il primo messaggio, dopo il suo ritorno al Cremlino, per fare il punto della situazione sullo stato del Paese e le principali direttive in materia di politica interna. Seduto vicino ai maggiori organi dello stato, anche il premier Dmitri Medvedev.

“In questi primi dodici anni del nuovo secolo non è stato fatto poco – ha detto il Presidente -. Il nostro compito ora è creare una Russia ricca e prosperosa. Dobbiamo comunque capire che i prossimi anni saranno anni chiave e, forse, di cambiamento. Non solamente per noi, ma il mondo intero”.

Durante il suo intervento (il suo nono messaggio annuale al Parlamento), Putin ha parlato di democrazia (“la democrazia – ha detto -, è l’unica scelta della Russia. Non ce ne può essere un’altra), intervenendo poi in materia di ong e opposizione.

Parlando davanti al Parlamento e ai cittadini, Putin ha affermato che “molti partiti politici, insieme a diversi esperti, spingono per tornare a un sistema elettorale misto alla Duma”.

“La concorrenza politica è sicuramente un bene per il nostro Paese”, ha affermato, suggerendo inoltre di formulare un “codice di regole per una concorrenza politica corretta”, definendo “inaccettabile” inoltre qualsiasi tipo di ingerenza estera nella politica interna russa.

“Chiunque riceva soldi dall'estero per portare avanti i propri progetti politici, probabilmente a servizio di interessi politici stranieri, non può fare politica nella Federazione Russa”, ha detto Putin alla sala. Aggiungendo poi un giro di vite nei confronti della corruzione interna alla politica: “In particolarm modo in questo settore, non può esserci criminalità – ha dichiarato -. Questa cosa deve diventare una regola per tutti”.

“Il cambiamento e la modernizzazione del sistema politico sono eventi naturali – ha aggiunto -, anzi, necessari”.

Putin ha inoltre affermato che lo stato deve e cercherà di garantire un eguale accesso ai mezzi di informazione per tutti i partiti politici, e non solo durante la campagna elettorale, bensì in via definitiva. “Il potere dello Stato – ha concluso -, deve garantire uguaglianza a tutti”. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta