All'Ambasciata Natale è già arrivato

Grande successo per la tradizionale mostra-mercato delle Sante Feste per raccogliere denaro da destinare agli orfanotrofi e ospedali di Mosca

Settimane di accelerazione prenatalizia per Denezhnij Pereulok 5, che domenica 18 novembre 2012 ha aperto le porte per la tradizionale mostra e vendita di prodotti italiani. Circa duemila i visitatori, con un incasso di 136mila euro, destinati a orfanotrofi, ospedali e centri di assistenza per anziani della capitale russa.

Intanto, fervono i preparativi per il concerto dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, che domenica 25 novembre 2012 si esibirà nella Sala Grande del Conservatorio di Mosca con un repertorio tutto italiano: Rossini, Paganini, Verdi e Respighi. Un concerto che, nel quadro di Exhibitaly, porta a Mosca una grande eccellenza culturale italiana, che arriva nella Federazione Russa con un messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Foto: ufficio stampa

Nel contempo la rassegna di Exhibitaly, che illustra il meglio delle produzioni italiane nei più diversi ambiti, inaugurerà il 5 dicembre 2012 al Krasny Oktyabr la mostra sulla tecnologia “Tech me to the future”, il quarto principale evento tematico dopo quelli dei mesi scorsi dedicati a energia, design e moda.

Dopo il concerto, il 30 novembre 2012 al Museo Pushkin si apre l’esposizione del Codice sul Volo degli Uccelli che Leonardo da Vinci scrisse all’inizio del 1500, prefigurando il volo artificiale. Dopo alterne vicende, il Codice arrivò nelle mani del rampollo di una dinastia di mercanti siberiani, Teodoro Sabashnikov, il quale, dopo averlo riprodotto in un’edizione facsimile, lo regalò al Re d’Italia Umberto I.

È solo grazie alla generosità del mecenate russo che oggi la Biblioteca Reale di Torino conserva questo tesoro inestimabile e insostituibile del Rinascimento. A postumo ringraziamento ed omaggio, 119 anni dopo, l’Ambasciata d’Italia cura una riproduzione facsimile ad hoc dedicandola a tutti i russi che amano l’Italia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta