L'uragano Sandy sulle elezioni Usa

La devastazione a Staten Island dopo il passaggio dell'uragano Sandy (Foto: Ilya Galak)

La devastazione a Staten Island dopo il passaggio dell'uragano Sandy (Foto: Ilya Galak)

A Staten Island, enclave russo-americana, i risultati delle presidenziali sono stati eclissati dalla devastazione causata dalla catastrofe naturale

Il 7 novembre 2012, il giorno dopo la rielezione alla Casa Bianca del presidente Obama, Xenia Grubstein ha preso il traghetto per Staten Island, una delle più grandi enclave russo-americane negli Stati Uniti. Lì, a più di una settimana dal passaggio dell’uragano Sandy, c'era bisogno di benzina e acqua e in pochi parlavano delle elezioni

Il giorno dopo la rielezione del presidente Barack Obama, il traghetto per Staten Island era in funzione come al solito. Ma il Whitehall Terminal di Manhattan era nella penombra a causa della continua mancanza di energia elettrica a Battery Park. Una volta che il traghetto ha raggiunto l’isola, i passeggeri sono stati accolti da un vento tagliente e da una brutta tempesta di neve. Il servizio degli autobus sull’isola era sorprendentemente in funzione, nonostante molti edifici fossero stati distrutti e alcuni non avessero ancora l’elettricità.

“Incontriamoci al distributore di benzina -, aveva detto Vassily Zayats, 49 anni, ingegnere, che ha accettato di farmi da guida. - Non te lo perderai. Chiedi a chiunque e te lo mostrerà”. In questi giorni, i distributori di benzina sono dei punti di ritrovo in cui le persone si riuniscono. Sono disperate perché vogliono rimettere in moto le loro auto. “Pochi giorni fa alcune stazioni di rifornimento hanno iniziato a vendere benzina e ci sono file che impiegano quattro ore per essere smaltite”, racconta Zayats.

È troppo presto per fare progetti su come ricostruire ciò che è andato distrutto. “Nulla è stato ricostruito -, aggiunge. - Un mio amico ha cercato di entrare in contatto con la sua compagnia di assicurazione per tre giorni senza successo. Semplicemente non rispondono al telefono. E non è possibile avviare una ricostruzione delle cose prima che il perito abbia condotto un sopralluogo e valutato l’entità del danno”.

Mira Saikina, 60 anni, è amministratore di uno studio medico. Vive in Oceanside Avenue con il marito e il suo cane. Saikina ha detto che le autorità hanno gestito bene la situazione durante e dopo l’uragano, ma che avrebbero potuto pensare di più alle persone anziane e ai disabili. “Ero andata a trovare mio figlio in un altro Stato e non ho sentito alcun annuncio -, racconta. - Ho sentito che ci trovavamo nella zona A e che era necessario evacuare, ma non sapevo che avremmo dovuto farlo da soli, né sapevo dove andare. Io non uso Internet. Sai, arrivano tanti documenti inutili nella mia cassetta della posta, ma questa volta avrebbero potuto aiutarci distribuendo volantini contenenti informazioni su dove rifugiarsi, lasciando adesivi o facendo dei segnali stradali”.


Saikina ha detto di essere molto grata a suo figlio e alle aziende che hanno fornito materiale per la pulizia alle persone colpite dalla super tempesta. Aggiungendo di essersi perduta completamente la sera delle elezioni. “Il mio frigorifero galleggiava al primo piano e il mio tappeto stava marcendo nel cortile di casa. Cosa mi importava delle elezioni?”.

Irina Lipovetskaya, che ha quasi 40 anni, vive con il suo fidanzato in Oceanside Avenue. Ha ricordato la notte del 29 ottobre 2012: “Siamo stati così stupidi da restare in casa. L’acqua ha iniziato a cadere intorno alle 8:20 e in 40 minuti si sono accumulati circa 6 metri d’acqua. Le nostre tre auto galleggiavano. Ci siamo rifugiati al secondo piano, ma tutti i nostri elettrodomestici, mobili e un sacco di altre cose sono andate distrutte. Incluse tutte le mie scarpe, per giorni non sono potuta uscire”. Parlava in piedi in un corridoio senza pareti, mentre un addetto alla riparazione misurava le camere.

Un amico di Zayats chiamato Arkady, un uomo d’affari locale, non ha voluto dare il suo cognome. “Sì, la mia proprietà è stata danneggiata -, ha detto, - ma non più di quelle di tutti gli altri. Sopravviveremo, avremo un po’ di soldi dall’assicurazione che però non risarcirà tutto ciò che abbiamo perso, ma sarà meglio di niente. La cosa peggiore è la mancanza di energia elettrica. Siamo stati nel nostro palazzo per 6 giorni, sperando che tornasse e poi ci siamo trasferiti da alcuni amici. L’acqua era così alta, perché, da una parte, c’era il vento proveniente dal mare, dall’altra, l’acqua che arrivava da Long Island ha raggiunto l’East River e poi noi. Con l’aggiunta dell’alta marea e della luna piena. In altre parole, si potrebbe parlare di una tempesta perfetta. Gli abitanti di Staten Island che hanno vissuto qui per 70 anni mi hanno detto di non aver mai visto niente di simile”.

Nonostante l'uragano Sandy e le sue conseguenze, Arkady ha seguito da vicino le elezioni presidenziali ed è rimasto “un po’ deluso” dai risultati. “Penso che i repubblicani debbano cambiare la propria strategia dopo queste elezioni e pensare a come attirare più ispano-americani”, ha detto. In ogni caso, ha proseguito, “noi staremo bene, non appena tornerà l’elettricità”.

Un altro conoscente di Zayats, Andrei Ivakh, 41 anni, un designer di abiti da sposa e da sera, ha detto che la ragione principale per cui i residenti locali non hanno preso seriamente gli avvertimenti su Sandy è stata l’esperienza del 2011 con l’uragano Irene, quando la minaccia sembrava grave, ma la tempesta è passata senza causare molti incidenti. Ma la notte del 29 ottobre 2012 “ha realizzato, quanto fossero preziose le persone che circondavano me e la mia famiglia, e di come tutto fosse ben organizzato”.

Lipovetskaya fa eco alle parole di Ivakh. Ha detto di essere stata aiutata dai volontari che sono venuti a controllare e a offrire sostegno. “La Croce Rossa e l’esercito sono stati qui tutto il tempo. Li ho visti distribuire pizza calda nel nostro quartiere. Degli estranei si sono fermati per vedere se avevamo bisogno di cibo, vestiti o prodotti per la pulizia. Alcune signore giravano offrendo una minestra calda a chi ne aveva bisogno”. Aggiungendo che un gruppo di circa 20 studenti li aveva aiutati a pulire il cortile.

“Una giovane donna ha bussato alla mia porta chiedendo se avevo perso le foto di famiglia. Spiegando di essere una fotografa e che avrebbe scattato delle nuove foto gratuitamente. Allora mi sono commossa”, riferisce Lipovetskaya cominciando a singhiozzare. “Ho vissuto in America per 30 anni, e non ho mai vissuto nulla di simile -, aggiunge dopo una pausa. - Mi sento così fortunata a vivere in questo Paese”.

Si stava facendo buio, e man mano che Nor’easter si avvicinava, il vento si faceva sempre più forte e ha iniziato a nevicare. Zayats sì è scusato dicendo che poteva darmi un passaggio solo fino alla fermata dell’autobus. “Mi dispiace non poterla accompagnare fino alla stazione dei traghetti -, ha sorriso, scusandosi. - Ma il costo della benzina rasenta quello dell’oro in questi giorni e ho bisogno della mia auto per andare a lavorare”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta