Le scuole dei partiti politici

I futuri leader politici studieranno materie teoriche come sociologia politica, storia delle teorie socio-politiche, filosofia, gestione politica e analisi politica moderna. Nella foto il primo ministro Dmitri Medvedev (Credit: Kommersant)

I futuri leader politici studieranno materie teoriche come sociologia politica, storia delle teorie socio-politiche, filosofia, gestione politica e analisi politica moderna. Nella foto il primo ministro Dmitri Medvedev (Credit: Kommersant)

I leader russi pensano alla formazione dei quadri dirigenti. Così partono le lezioni di formazione teorica e pratica per gli uomini di Russia Unita e del movimento di Mikhail Prokhorov

I leader politici russi hanno cominciato a occuparsi dell'istruzione dei loro quadri di partito. Due forze politiche hanno annunciato in contemporanea la fondazione delle loro rispettive scuole. La prima, la scuola di Russia Unita, dovrebbe aprire entro la fine del 2012, come rende noto il giornale Izvestia, rifacendosi alle proprie fonti interne al partito.

Il progetto di massima è già stato approntato e trasmesso all'esame del primo ministro Dmitri Medvedev. Esso prevede "un sistema complessivo di formazione politica per i quadri di partito". I corsi da frequentare dipenderanno dal livello a cui l'allievo intende lavorare oppure già lavora. "Alcuni corsi saranno rivolti ai futuri istruttori delle sezioni primarie, altri a quanti lavorano o lavoreranno nell'apparato della sezione regionale", spiega l'interlocutore di Izvestia.

In totale il progetto prevede 22 discipline: i membri di Russia Unita studieranno metodi di divulgazione e propaganda, metodi di contropropaganda, gestione delle relazioni con i mass media, metodologie di attività politica attraverso la rete Internet, norme di gestione delle istanze dei cittadini, preparazione ai discorsi pubblici e ai dibattiti, organizzazione e strategia della pianificazione politica.

Inoltre, ai membri di partito saranno impartite anche lezioni di discipline teoriche: sociologia politica, storia delle dottrine socio-politiche, teoria politica e filosofia politica, legislazione contemporanea sull'attività dei partiti, management politico e analisi politica contemporanea. La formazione sarà conciliata con il lavoro.

La scuola è utile al partito, in quanto è uno dei meccanismi di reclutamento di nuove élite, aggiunge il politologo e membro del consiglio superiore di Russia Unita Dmitri Orlov: "È uno strumento per mobilitare dei manager e dei leader di partito efficaci. Vi sono diversi canali di reclutamento delle élite, e finora tra questi vi era, ad esempio, la Giovane guardia di Russia Unita. Ma deve esserci assolutamente anche uno strumento come la formazione, per attrarre nuovi quadri.

Anche il businessman Mikhail Prokhorov, ex candidato alle elezioni presidenziali, sta creando la propria fucina di quadri. Insieme all'ex ministro delle Finanze Alexei Kudrin ha realizzato una "Scuola per leader civili". D'altronde, Prokhorov insiste sul fatto che l'iniziativa è assolutamente apolitica e rivolta alla formazione di dirigenti in quanto tali, non "predisposti" per operare all'interno di precise forze politiche.

Per ora il progetto è partito in una versione di prova a Voronezh. Come spiega la coordinatrice Anna Garmonova, l'obiettivo fondamentale è "riconoscere i cittadini più attivi e dare sostegno ai loro progetti.  Parlo, ad esempio, di un sostegno da parte di esperti: vogliamo coinvolgere i maggiori specialisti del Paese nelle varie sfere di competenza".

I promotori del progetto vogliono creare anche "una sorta di fondo per delle borse di studio", per mezzo del quale "appoggiare le migliori iniziative provenienti dai partecipanti al progetto". "È evidente che le istituzioni statali esistenti non sono in grado di soddisfare la domanda di sostegno ai progetti civili e sociali che provengono dalla parte più attiva della società. Di conseguenza, la gente crea delle proprie istituzioni in grado di supplire a quelle statali," osserva la Garmonova.

Fonti: Kommersant e Izvestia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta