La Sant'Anna apre le porte a Mosca

La scuola d’eccellenza pisana inaugura un desk nella capitale russa per reclutare nuovi studenti e promuovere la propria attività anche nella Federazione

Occhi puntati verso Est. La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa rafforza la sua presenza in territorio russo: dopo l’importante collaborazione per il monitoraggio del progetto Mars 500, ora la Sant’Anna mette le mani su Mosca.

Nel tentativo di promuovere la partecipazione di studenti russi alle selezioni italiane, la scuola d’eccellenza pisana ha messo in piedi un nuovo punto informativo.

Il “Desk Mosca”, così come è stato chiamato lo sportello, sarà inaugurato il 9 novembre 2012 dal rettore Maria Chiara Carrozza e dal delegato alle relazioni internazionali, Pietro Tonutti. 

Il desk, aperto all’interno dell’Istituto Italiano di Cultura della capitale russa, favorirà l’internazionalizzazione della scuola, promuovendo le attività anche nella terra degli zar.

Internazionalizzazione ed eccellenze: queste quindi le parole chiave dell’istituto che, oltre a reclutare nuovi studenti all’estero, punterà sulla collaborazione con le università russe. L’idea è infatti quella di avviare, insieme agli atenei della Federazione,  progetti congiunti, scambi culturali e visite di docenti, oltre a favorire un reciproco riconoscimento dei crediti per i ragazzi e corsi di laurea congiunti.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta