Il mare di Jodice a Ekaterinburg

I suggestivi scatti del fotografo napoletano esposti al museo "Metenkov House" della città russa, dall'8 novembre all'8 dicembre 2012

Uno degli scatti di Mimmo Jodice in mostra a Ekaterinburg (Foto: Ufficio Stampa)

“Talvolta mi pongo questa domanda: avrei mai potuto vivere in assenza del mare?”. È proprio il mare, “dove si incontrano realtà e sogni”, che ha influenzato in buona parte il lavoro artistico di Mimmo Jodice, uno dei più grandi fotografi italiani contemporanei.

Napoletano, amante della sperimentazione e amico dei più importanti artisti moderni come Wahrol, Beuys, De Dominicis, Paolini e Kosuth, Jodice sarà ospite al museo “Metenkov House” di Ekaterinburg dall’ 8 novembre (inaugurazione ore 18), con la mostra “Il mito del Mediterraneo”: una selezione di opere che porta in terra russa alcuni dei migliori lavori appartenenti alle collezioni “Mediterraneo” e “Isolario”.

Affascinato dalla complessità dei paesaggi, dalla cultura mediterranea e dall’archeologia, Jodice immortala la potenza e la profondità del mare, alla quale si unisce la tradizione della terra natale e la potenza dei volti di statue antiche.

“Grazie all’immaginazione, i templi e le statue prendono vita – dice -. Il tempo smette di esistere, il passato e il presente si fondono”.

L’esposizione, realizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Mosca grazie al contributo della banca Unicredit, resterà aperta fino all’8 dicembre 2012.

Per maggiori informazioni:

Museo “Metenkov House”

Via K. Libknekhta, 36 - Ekaterinburg

metenkov@gmail.com

www.mimmojodice.it

www.metenkov.narod.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta