L'era delle città intelligenti

In una città intelligente si potrebbe pensare, ad esempio, di illuminare maggiormente le zone più frequentate e lasciare senza illuminazione le strade che restano vuote (Foto: Shutterstock)

In una città intelligente si potrebbe pensare, ad esempio, di illuminare maggiormente le zone più frequentate e lasciare senza illuminazione le strade che restano vuote (Foto: Shutterstock)

Il primo progetto, ribattezzato “Novyj Bereg”, sarà realizzato a San Pietroburgo da un consorzio giapponese di imprese innovative, Smart City Planning (Scp), in collaborazione con alcune aziende locali della Federazione

Il consorzio giapponese di imprese innovative Smart City Planning (Scp), in collaborazione con alcune aziende locali russe, costruirà la prima città intelligente nella storia della Russia. È stata battezzata con il nome di “Novyj Bereg” (Riva nuova, in russo) e si trova vicino a San Pietroburgo. Il memorandum tra le imprese promotrici russe, Severo-Zapad Invest SL, Monolit Holding e Kvartstroi, e Scp è già stato firmato.

Novyj Bereg” sorgerà sulle rive delGolfo di Finlandia, vicino aSestroretsk, a circa 30 chilometri daSan Pietroburgo.L'estensionedella prima città intelligente russasaràdi quasi 510ettari.Si sa già che i quartieri residenziali occuperannouna superficie totale di 2 milioni e 300mila metri quadrati, mentre le areecommerciali e sociali, un milione di metriquadrati.

 

Le opere degli anni '20 e '30

hanno impresso

una svolta radicale

al modo di costruire

nella Federazione

I preparativi per la stabilizzazionedel sitodovranno essere completatientro il 2015. La costruzione degli edifici, invece, sarà terminata nel 2028. Per quanto riguarda leinfrastrutture sociali, il progetto dipianificazione del territorioprevede la realizzazione di19asili nido,10 scuole, due ospedali, così come centri sportivi, parchi giochi per i bambini e persinoun tribunale. L'investimento complessivodel progettosarà di oltre 6 milioni 150mila euro(250.000milioni di rubli).

 

Il progettodella prima città intelligenterussacontemplasoluzioni ingegneristichemoderne volte al risparmio e all'usorazionaledelle fonti di energia. L'idea è quella di ottenere energiasolare per mezzo dibatterie solarie introdurremetodi di gestioneche permettano di ridurre gli sprechienergeticiingiustificatiLa scaladel progettoconsente diparlare della creazione diuna “mini-città” che incarneràla visione modernadel comfort e dellacittà ecologica.

 

La collaborazioneprevistacon il consorzioSmart City Planning consentirà alprogetto “Novyj Bereg” di diventareuna pietra miliarestrategicaa livello di promozione delle più modernetecnologie e dello sviluppo dell’high-technel mercato russo. Ciò comporteràl'introduzione, nell’infrastruttura della città,di sistemi di gestione chegenereranno unadomanda di nuove tecnologienei settori dell’edilizia, della logistica dei trasporti, o nell'efficaciadelle tecnichedi sviluppo urbano.

}

Si potrebbe pensare, ad esempio, di illuminare maggiormente le zone della cittàdove le persone sono più attive e lasciare senza illuminazione le strade che di solito rimangono vuote. Nella città intelligente i controllori potranno eseguire le letture dei contatori su degli appositi pannelli remoti, in cui verranno registrati i dati di tutta la città, mentre i cittadiniriceveranno le comunicazionirelative a un’eventuale interruzione della rete, ai picchidi consumo o ai mancati pagamenti, senza il bisogno di dover uscire di casa.

 

La Biennale di Architettura di Mosca

Il Giappone ha già risoltomolti dei problemi che sta affrontando adessola Russia e siamo prontia condividerele nostre soluzioni. L’importante,nonè solo introdurre la tecnologiagiapponesein Russia, macercare di collaborarenel campo dellacostruzione dicittà, tenendo in considerazionetre fattori: il sistema, la tecnologiae la sua applicazione. La creazione di questapiattaforma consentiràalla Russiae al Giappone di lavorare in maniera proficua su temicomuni, comeil trattamento dei rifiuti e lo sviluppo di infrastrutture, ha sottolineato, nel corso di una conferenza stampa, NakamuraMitsuo, rappresentante delteam russo diScpe presidente delconsiglio di amministrazione della societàSekkeiNikken.

 

I rappresentantidel consorzio giapponese partecipano attualmente,in qualità diconsulenti,a setteprogetti di promozione,in Russia. Cinque di lorosono già infase di approvazione e presto verranno iniziati i lavori di costruzione. I progettisaranno realizzati nelle città diSan Pietroburgo,Krasnoyarsk, Volgograd, NizhnyNovgorod, Mosca e Cheboksary. Ogni societàmembro del consorzioScpsi occuperà del settore di sua competenza: architettura, design,tecnologia ambientale, risparmio energetico, mettendo a disposizione le idee migliori e il know-how più avanzato.

 

In questo momento, nel mondo,esistono solo dueesempi di città intelligenti: TianjinEco Cityin Cina eKashiva-ho-ha Smart Cityin Giappone.La concezione di una cittàintelligentepresuppone cinque livelli diversi: pianificazione, infrastruttura di base, infrastruttura intellettuale(tecnologie per il risparmio energetico), servizi sociali e livello culturale(stile di vita, arte, ecc.).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta