Anna, una vita per il giornalismo

Un film racconta la vita della reporter russa uccisa nel 2006 a Mosca. Proiezione, il 14 ottobre 2012 presso la Sala Oberdan di Milano

Fedele alla sua missione fino alla morte. Viene presentata così nel pieghevole di “Cinema & Giornalismo” (la rassegna che da undici anni accende i riflettori sul mestiere del reporter), Anna Poliktovskaya, la giornalista russa uccisa nell’androne di casa sua nel 2006 a Mosca. Proprio a lei sarà infatti dedicata un’intera sezione della rassegna, che cercherà di svelare i retroscena di una donna “coraggiosa e appassionata, testimone della tragedia cecena dal 1999 al 2005”.

Il 14 ottobre 2012 alle 10.30, presso la Sala Oberdan di Milano (via Vittorio Veneto, 1), verrà proiettato il film “211: Anna”, realizzato da Giovanna Massimetti e Paolo Serbandini. La pellicola narra un pezzo di storia russa attraverso la storia di Anna Politkovskaya e di suo marito, anch’egli giornalista, in un percorso dalla perestrojka alla salita al potere di Putin.

Per maggiori informazioni:

Cinema & Giornalismo

Spazio Oberdan

Via Vittorio Veneto, 1 – Milano

www.oberdan.cinetecamilano.it

Ingresso libero

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta