Alluvione in Daghestan

Le forti piogge che hanno colpito la regione del Caucaso hanno provocato la morte di sette persone e causato l'allagamento di oltre trecento case. Dichiarato lo stato di emergenza

L'acqua continua a mietere vittime in Russia. Sarebbero almeno sette le persone rimaste uccise in Daghestan a causa di un’alluvione che ha colpito la regione del Caucaso settentrionale. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti, le forti piogge avrebbero allagato 320 abitazioni.

Nella zona è stato dichiarato lo stato di emergenza. Nel frattempo si sta lavorando per ripulire il territorio colpito dalle alluvioni, mentre la fornitura di acqua è stata interrotta a causa del fango e dei detriti che hanno otturato le pompe.

Non è la prima pesante inondazione che colpisce la Russia: nel luglio 2012 la regione di Krasnodar era stata messa in ginocchio a causa di forti piogge che avevano provocato l’evacuazione di 1.500 persone e oltre 170 vittime.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta