Politkovskaya, no alla manifestazione

Le autorità della capitale russa non hanno concesso il permesso per il picchetto in memoria della giornalista uccisa a Mosca il 7 ottobre 2006

L'attrice Ottavia Piccolo interpreta la giornalista Anna Politkovskaya

Quest’anno avrebbe compiuto 54 anni. A distanza di sei anni, resta ancora ignoto il nome del mandante dell’assassinio della giornalista russa Anna Politkovskaya, uccisa il 7 ottobre 2006 nell’ingresso di casa sua in centro a Mosca.

Secondo quanto riferito dalla radio Eco di Mosca, le autorità della capitale russa avrebbero negato l’autorizzazione ad alcuni manifestanti che, nel giorno della ricorrenza dell’assassinio, avrebbero voluto riunirsi in piazza Pushkin, nel cuore della capitale, per ricordare la giornalista uccisa.

Troppi eventi nello stesso giorno: questa la motivazione delle autorità, che in questo modo non hanno autorizzato il picchetto in memoria della reporter.

Nata a New York da genitori ucraini, Anna Politkovskaya, una delle firme di punta del giornale Novaya Gazeta, è ricordata per il suo grande impegno nel conflitto in Cecenia. Si è ritrovata poi a negoziare il rilascio degli ostaggi durante il drammatico attentato terroristico al Teatro Dubrovka di Mosca. Oltre a numerosi riconoscimenti giornalistici, la Politkovskaya ha ricevuto nel 2001 il Premio Global Award di Amnesty International.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta