La lotta alla corruzione parte dagli statali

Il nuovo disegno di legge anti-corruzione può essere poco efficace perché non si estende ai parenti lontani dei funzionari pubblici russi: questo crea una scappatoia per aggirare la normativa, dicono gli esperti (Foto: Getty Images/Fotobank)

Il nuovo disegno di legge anti-corruzione può essere poco efficace perché non si estende ai parenti lontani dei funzionari pubblici russi: questo crea una scappatoia per aggirare la normativa, dicono gli esperti (Foto: Getty Images/Fotobank)

Un nuovo disegno di legge per arginare il fenomeno andrebbe a colpire i dipendenti pubblici a tutti i livelli, con proprietà e conti all'estero

Nel mese di agosto 2012 è stato presentato al parlamento russo un progetto di legge che costringerebbe tutti i dipendenti statali a chiudere i loro conti bancari esteri e vendere le loro proprietà d'oltremare, se entrasse in vigore. Il disegno di legge riguarda non solo le case acquistate personalmente dai burocrati, ma anche proprietà acquisite per successione o come "dono".

Il disegno di legge, se ratificato, potrebbe riguardare i dipendenti statali di ogni ordine e grado, a partire dai funzionari comunali fino ai burocrati federali, compresi i membri delle forze armate e dei due rami del parlamento. E l'interpretazione potrebbe essere ampliata per includere i senior che amministrano le società statali; tale ipotesi è già apparsa nella stampa russa.

Attenuanti sono previste solo per pochi casi. Ad esempio, se avere proprietà fuori dal Paese è essenziale per adempiere agli obblighi professionali o se il funzionario deve rivolgersi a servizi medici o educativi all'estero, quindi il conto bancario all'estero è ammesso. Le sanzioni per le violazioni delle regole, oltre al licenziamento, prevedono una multa fino a 10 milioni di rubli (321 mila dollari) o cinque anni di carcere.

Il disegno di legge ha buone possibilità di essere convertito in legge dalla Duma di Stato, secondo Oleg Lebedev del partito Comunista. La proposta normativa è sostenuta da un gruppo di parlamentari che comprende membri provenienti da tutti e quattro i partiti politici usciti dalle urne delle ultime elezioni. "La gente appoggia questa iniziativa; quindi le possibilità di ratifica sono alte", ha aggiunto Lebedev.

Il campione di russi sentito dal Centro di Ricerca sull'Opinione Pubblica rivela che il 61 per cento della popolazione è a favore di un divieto assoluto a proprietà estere; il 28 per cento degli intervistati ritiene, invece, che il diritto di proprietà e i conti bancari all'estero non dovrebbe essere tolti, ma soggetti a dichiarazione separata. Quasi due terzi degli intervistati è a favore del carcere, insieme al licenziamento e alle multe per i trasgressori, mentre il 28 per cento sarebbe soddisfatto su sanzioni economiche o attività utili alla comunità.

Secondo Elena Shestopal, assistente di Psicologia politica all'Università Statale di Mosca, chi è a favore della legge vive in piccole città, con stipendi intorno ai 20.000 rubli (circa 500 euro) e senza titolo di istruzione superiore. Shestopal identifica gli oppositori al disegno di legge come un gruppo altamente qualificato, composto principalmente da moscoviti nella fascia di età 18-30 anni.

Non ci sono stime ufficiali sul valore degli immobili all'estero di proprietà di burocrati russi e i numeri degli analisti indipendenti variano ampiamente. Ad esempio, Maria Tsyguleva, analista del Financial International Holding Fibo Group, afferma che la cifra si aggira tra 350 milioni e 700 milioni di dollari. Al contrario, Vladimir Milov, capo dell'Associazione sociale russa "Scelta Democratica", sottolinea il fatto che la classifica di Forbes dei più ricchi di Russia recentemente include anche dipendenti statali.

Mikhail Delyagin, direttore dell'Istituto sui problemi della globalizzazione, sottolinea che se il disegno di legge non farà il suo lavoro, non sarà sufficiente ad affrontare la corruzione. Delyagin cita il fatto che la legge russa, al momento, definisce un nucleo familiare di due genitori e figli fino alla maggiore età. I figli adulti o i genitori di un burocrate non sono presi in considerazione. Tutto questo offre già un'opportunità sostanziale per eludere le misure severe proposte.

Tuttavia, anche se l'attuale definizione di "stretti rapporti" è stata ampliata, sarebbe piuttosto facile ricorrere a prestanomi, come parenti lontani meno rintracciabili. "Una serie di cavilli legali esiste per evitare che parenti lontani ingannino il proprietario effettivo della proprietà, così che i prestanome figureranno come proprietari solo di nome", nota Delyagin.

Delyagin, scettico sull'efficacia della legge, aggiunge: "I redditi di un gran numero di funzionari provocano un enorme sospetto di corruzione".

Maria Tsyguleva è d'accordo: "Pare estremamente improbabile che queste misure abbiano alcun effetto reale nella lotta alla corruzione in Russia. Bisogna curare la malattia, invece di alleviare i sintomi".

La proposta di legge è ora in fase di preparazione da parte di un comitato speciale sulla legislazione costituzionale e dell'amministrazione statale. Alla fine di settembre 2012, Valery Trapeznikov, uno degli autori del disegno di legge e deputato di Russia Unita, ha annunciato che i burocrati possono essere autorizzati a mantenere la proprietà che hanno acquistato o ereditato prima della caduta dell'Unione Sovietica (cioè prima del 1991). Sarà anche possibile che il divieto non interessi le proprietà che un individuo ha acquisito prima di entrare in servizio del governo e quelle comprate nel corso di un soggiorno di lunga durata all'estero. Il campione di hockey Vyacheslav Fetisov e il pugile Nikolai Valuev, per esempio, hanno vissuto e lavorato al di fuori della Russia e acquistato appartamenti all'estero.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta