Volo Bologna-Mosca, è boom

Inaugurata il 1° settembre 2012, la nuova tratta ha già registrato oltre 2.800 passeggeri, costringendo la compagnia Aeroflot ad aumentare la capienza degli aeromobili

Che l’Emilia Romagna fosse una meta molto gettonata tra i russi, già lo si sapeva. Le conferme arrivano dai dati diffusi dalla compagnia aerea russa Aeroflot che, dopo aver inaugurato la nuova tratta Bologna-Mosca, brinda al successo e si prepara ad incrementare il servizio.

Solamente nelle prime due settimane di attività, infatti, il collegamento tra Bologna e la capitale russa (inaugurato il 1° settembre 2012), ha registrato la bellezza di 2.800 passeggeri. Per un fattore di riempimento pari al 70 per cento. Risultati che di solito, dicono, si raggiungono dopo un periodo di attività molto più ampio.

"Il volo Bologna-Mosca era atteso da tempo", spiega Giada Grandi, presidente dell'Aeroporto di Bologna.Il successo dei primi collegamenti ha costretto la compagnia di bandiera russa a sostituire più volte gli aeromobili con apparecchi più capienti.

"I voli stanno andando così bene che dal 29 settembre 2012 sostituiremo gli aerei con Boeing 767 da 218 posti", ha commentato il direttore Aeroflot Italia Gennady Bocharnikov.

L’apertura di questa rotta, così come ha spiegato il direttore generale dell’aeroporto di Bologna Armando Brunini, è stata decisa a seguito del crescente aumento dei viaggiatori provenienti dall’Est. In aumento, anche gli italiani che si recano verso Oriente: “Nei primi 7 mesi del 2012 – ha spiegato -, i turisti diretti nei Paesi ex Urss sono cresciuti del 17 per cento. Abbiamo registrato un +21 per cento anche per quanto riguarda i passeggeri diretti in Asia”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta