Tutti in onda

Secondo un recente sondaggio, la maggioranza dei russi intervistati sogna di apparire in tv per condurre un telegiornale. Nella foto, lo studio tv di Moskva24 (Credit: Ria Novosti/Vladimir Pesnya)

Secondo un recente sondaggio, la maggioranza dei russi intervistati sogna di apparire in tv per condurre un telegiornale. Nella foto, lo studio tv di Moskva24 (Credit: Ria Novosti/Vladimir Pesnya)

Come il protagonista di "Reality", il nuovo film di Matteo Garrone, anche i russi farebbero di tutto per comparire in tv. Lo rivela un sondaggio

Avere un posto in televisione attira la maggior parte dei russi. Molti di loro sono inoltre convinti di avere la stoffa necessaria per diventare una star del piccolo schermo, affermano i dati del nostro sondaggio.  Tuttavia, l’idea che moltissimi hanno di questa professione è troppo idealistica, commentano gli esperti.

Più dell’80 per cento dei russi vorrebbe lavorare in Tv. Questi i risultati del sondaggio condotto dal portale Работа@Mail.ru. La posizione più ambita dagli intervistati è quella di conduttore di Tg e sono convinti di avere tutte le carte in regola per farlo. Questa l’opinione del 38 per cento dei partecipanti all’inchiesta.

Un quarto degli intervistati vorrebbe condurre un programma di musica e uno su cinque un reality show. Inoltre, il 68 per cento  degli intervistati  afferma di avere l’esperienza necessaria per lavorare in Tv, mentre il 44 per cento assicura di avere le qualità richieste per questo genere di professione quali: comunicabilità (81 per cento ), proprietà di linguaggio (68 per cento), bell’aspetto (66 per cento ) e attitudini teatrali (45 per cento). Questo desiderio nasce per il 68 per cento dall’interesse verso la televisione, mentre un quarto degli intervistati ammette di essere attratto dalla paga alta.

Il lavoro in televisione è molto più complesso di quanto la maggior parte dei russi creda, afferma con certezza il presidente della Nat (ovvero l’Associazione nazionale di broadcasting) Eduard Sagalaev.

“Nonostante il mio grande amore per la Tv, è ovvio che sia un’illusione pensare questa dia facilmente da mangiare. È un lavoro difficile, soprattutto perché non è regolamentato. Capita di lavorare anche giorno e notte. E se lavori giorno e notte, non hai una vita privata. È un impegno enorme. Pochi di quelli che vogliono lavorare in TV sono realmente capaci di farlo”, spiega Eduard.

Il presidente del portale SuperJob, Alexei Zacharov, afferma che è molto più facile trovare lavoro in televisione come tecnico specializzato che non come artista.

“Chi lavora nel circuito televisivo utilizza attivamente tutte le risorse possibili, compreso il portale SuperJob.ru, per cercare personale tecnico. Di posti vacanti se ne trovano tanti, e sulle reti più diverse. Dai canali nazionali, come il Primo Canale, a quelli di raggio più modesto e ai canali regionali. Se parliamo  invece di sceneggiatori  o conduttori , ovvero di coloro che decidono indipendentemente quali materiali proporre, o sopratutto di coloro che lavorano direttamente col pubblico, allora di norma si cerca all’interno dell’azienda stessa, questo genere di collaboratori non viene mai cercato all’esterno”.

Il 35 per cento degli intervistati afferma di voler lavorare in televisione perché ritenuta un’occupazione prestigiosa. Ancora, il 13 per cento è convinto di poter così diventare famoso.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta