Anche l'Ottobre Rosso è tricolore

Continuano con successo gli eventi promossi dall'Ambasciata d'Italia a Mosca, tra mostre e incontri: il prossimo, con l'architetto Massimiliano Fuksas

Krasny Oktyabr verde, bianca e rossa: l’Italia ha messo il tricolore alla fabbrica di cioccolato di Ottobre Rosso, il monumento post-industriale nel cuore di Mosca trasformato in pochi anni in uno dei centri culturali più alla moda della capitale russa.

Ancora aperta per pochi giorni è la mostra di Enel che illustra l’elettrificazione dell’Italia, dalle lampadine alle radio Brionvega, per arrivare alle modernissime smart grids, dove l’Italia è all’avanguardia. Ma “The Energy Show” – questo il nome della prima delle quattro mostre che si avvicenderà negli spazi di Krasny Oktyabr – non di sola energia parla: nel parcheggio della fabbrica la scultura “Are you really sure that a floor can’t also be a ceiling?” propone migliaia di farfalle che svolazzano libere in una scatola di cristallo di enormi dimensioni piena di orchidee e piante acquatiche, una metafora della lotta all’inquinamento e un inno alla natura voluto dai due artisti olandesi vincitori del Premio Enel Contemporanea 2010.

La mostra coincideva con le due settimane di babe leto, l’estate di San Martino che ha riportato a Mosca temperature quasi estive: chi non l’avesse ancora vista, si affretti a visitarla, visto che l’esposizione finisce il 28 settembre 2012.

Foto: Ufficio Stampa

Krasny Oktyabr a festa per Exhibitaly (Foto: Ufficio Stampa)

I quattro mesi di Made in Italy a Mosca sono stati inaugurati dal ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Mario Catania e dal sottosegretario agli Esteri Marta Dassù, volati a Mosca per l’occasione. Prossima puntata del programma “Exhibitaly – Eccellenze Italiane d’Oggi” è la conferenza del grande architetto Massimilano Fuksas il 26 settembre 2012 nella Casa degli Architetti di Mosca, mentre la scorsa settimana si è tenuta la presentazione di “Dolomiti Superski”, le montagne e le valli tra Veneto e  Trentino entrate nel 2009 nel patrimonio dell’Unesco e diventate ben presto una delle mete preferite dal pubblico russo.

L’Ambasciatore Antonio Zanardi Landi ha portato “Exhibitaly” a Sochi dove ha partecipato alla XI edizione del Forum internazionale sugli investimenti insieme ad una ventina tra le aziende italiane più attive in Russia. In tale occasione ha avuto incontri con i presidenti delle Repubbliche di Karachai Circassia, Adygeja, Calmucchia, Kabardino Balkaria e Daghestan e con i governatori di Kaluga, Stavropol, Volgograd e Orenburg. Tutti si sono mostrati interessati al sistema produttivo italiano, e in particolare agli sviluppi che l'iniziativa Exhibitaly potrà avere sulla diffusione del Made in Italy anche nelle realtà periferiche della Russia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta