Tsiolkovskij, padre del volo spaziale

Il 17 settembre si ricorda la nascita del pioniere dell'astronautica che per primo, all'inizio del Novecento, teorizzò il concetto di "ascensore spaziale"

Con le sue teorie ha cambiato la storia dell’astronautica. E per decenni ispirò il lavoro di moltissimi scienziati che osservavano il cielo. Il 17 settembre 2012 si ricorda la nascita di uno dei padri del volo spaziale: Konstantin Tsiolkovskij, nato nel lontano 1857 nel piccolo villaggio di Izhevskoe, nella Russia occidentale.

Innamorato fin da piccolo dello spazio, Tsiolkovskij studiò diversi aspetti del volo spaziale, arrivando a scrivere, nel 1903, uno dei suoi massimi lavori: “L'esplorazione dello Spazio cosmico per mezzo di motori a reazione”, considerato ancora oggi uno dei primi trattati scientifici sulla missilistica.

Lo scienziato, che venne nominato professore dell'Accademia Militare dell'Aria e teorizzò per primo il concetto di "ascensore spaziale", durante la sua lunga carriera ricevette diversi premi, tra cui l’Onorificenza di San Stanislav, e l’Onorificenza di Santa Anna. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta