Viaggi, russi in Italia tutto l’anno

Si caricano i bagagli sui voli verso l'Italia (Foto: Vitaly Ankov / Ria Novosti)

Si caricano i bagagli sui voli verso l'Italia (Foto: Vitaly Ankov / Ria Novosti)

I cittadini della Federazione continuano a scegliere le città del Belpaese per trascorrere periodi di vacanza anche nella stagione autunnale. Lo rivela lo studio di un grande motore di ricerca voli

Vacanze non solo estive in Italia. Conclusa la stagione calda e con l'arrivo dell'autunno, i turisti russi continuano a scegliere mete e città del Belpaese per il loro relax. Lo dimostrano i dati pubblicati da Skyscanner, che si definisce il sito leader nella ricerca di viaggi.

Foto: Getty Images
Moda, i russi i turisti
con meno gusto

Tra i globetrotter che hanno cercato voli per l'Italia con partenza tra il 21 settembre e il 21 ottobre 2012, i russi si collocano al terzo posto, medaglia di bronzo dietro agli italiani, che giocano in casa e, scegliendo località nostrane, conquistano l'argento, mentre sono i sudditi della corona britannica, che salgono sul gradino più alto.

Ma quali sono le mete italiche più gettonate? "Considerata la dimensione degli scali e la loro popolarità - sottolineano da Skyscanner -, destinazioni come Roma, Milano e Venezia sono praticamente imbattibili. La sfida comincia nel resto della classifica, con la piccola Pisa arroccata addirittura al quarto posto. La sua splendida torre e Piazza dei Miracoli funzionano come una vera e propria calamita turistica, a due passi da altri ambiti capoluoghi della Toscana".

Per ingrandire cliccare qui

Credit: Natalia Mikhailenko
Fonte: Skyscanner 2012 

"Napoli - aggiungono - ha l’onore di occupare la quinta posizione. Seguono le siciliane Palermo e Catania, costantemente presenti nelle top 10 di Skyscanner, e mete assolutamente ambite anche in autunno, grazie a un clima decisamente favorevole".

"Anche l’altra grande isola italiana, la Sardegna - conclude l'indagine di Skyscanner -, fa la sua comparsa nella seconda parte della classifica con Alghero, Cagliari e Olbia".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta