Trento stringe la mano alla Russia

Il Console Onorario della Federazione Russa a Bolzano Bernhard Kiem (a destra) insieme al presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai (Foto: Ufficio Stampa)

Il Console Onorario della Federazione Russa a Bolzano Bernhard Kiem (a destra) insieme al presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai (Foto: Ufficio Stampa)

Si è parlato di export, turismo e cultura durante l'incontro tra il presidente della Provincia Autonoma Lorenzo Dellai e il Console Onorario della Federazione Bernhard Kiem

Turismo, cultura e promozione del territorio. Ma anche export ed economia. Sono questi alcuni dei temi affrontati durante l’incontro tra il presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai e il Console Onorario della Federazione Russa a Bolzano Bernhard Kiem. Un colloquio cha ha affrontato le relazioni tra le due realtà a 360 gradi, nel tentativo di approfondire le collaborazioni in materia di scambi commerciali e di promozione turistica.

“Vorremmo individuare nuove forme di marketing per far conoscere ulteriormente il nostro territorio – ha spiegato il presidente Dellai -. Ci piacerebbe, nel concreto, promuovere maggiormente la stagione invernale e i numerosi impianti sciistici, già conosciuti in Russia, allargando il raggio all'intero territorio".

Per quanto riguarda l’economia, grandi passi in avanti si sono fatti nell’export della mela, che da un po’ di tempo si sta affermando sul territorio della Federazione. Nuovi input, invece, vengono richiesti per il comparto vinicolo.  

"Stiamo sviluppando in misura notevole anche il comparto del legno – ha detto il Console Kiem, – soprattutto nella regione di Arkhangelsk, con cui la Provincia di Trento ha già intrecciato legami di collaborazione. Cerchiamo tecnologia e ricerca: e qui le opportunità ci sono”.

“La Russia – ha aggiunto il Console -, è in piena crescita sia nei settori industriali sia nel turismo: sarebbe per noi importante poter accompagnare questo sviluppo con forme di collaborazione per elaborare progetti di ricerca nel campo della tecnologia industriale".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta