Il meglio dell'Italia a Mosca

Con gli spettacoli del Teatro alla Scala e le eccellenze italiche in mostra, tra design, industria e moda, la capitale russa sembra quasi una succursale del Belpaese

La scia bianco-rosso-verde delle Frecce Tricolori non era ancora svanita dal cielo di Mosca, né si era spento l’eco dei novanta musicisti della Banda dei Carabinieri, che si sono esibiti al Gorky Park, in Piazza Rossa e nei giardini di Denezhnij Pereulok 5, che a Mosca è arrivata la perla del patrimonio musicale italiano: l’orchestra e il coro del Teatro alla Scala di Milano.

Il teatro milanese è stato una settimana nella capitale russa per l’inaugurazione della stagione del Teatro Bolshoj: in programma tre recite del Don Giovanni di Mozart e un grande concerto delle tre ultime sinfonie del maestro di Salisburgo dirette da Daniel Baremboin. Una tournéefolgorante cui il pubblico moscovita ha tributato lunghi applausi ritmati e che è stata la degna conclusione di un gemellaggio durato cinque anni. Apprezzata in particolare la bellissima scenografia del Don Giovanni di Robert Carsen, un raffinato gioco di riflessi pensato per la Scala del Piermarini e perfetto anche per il Bolshoj di Mosca.

Foto: Caterina Zanardi Landi

L'esibizione della Banda dei Carabinieri a Villa Berg, sede dell'Ambasciata d'Italia a Mosca (Foto: Caterina Zanardi Landi)

Settimane di eccellenze italiane: dopo le Frecce Tricolori, la Banda dei Carabinieri e la Scala di Milano, l’Ambasciatore Antonio Zanardi Landi ha ospitato in Ambasciata la serata di presentazione di “Collezioni Uomo” e ha visitato la 19ma edizione di Collection Premiere Moscow, fiera del settore abbigliamento, dove un record di 337 nomi italiani ha proposto al mercato russo il meglio dei propri tessuti e modelli.

Il tutto in febbrile attesa che il 12 settembre 2012, nella scenografica cornice dell’ex fabbrica di cioccolato Ottobre Rosso, si inauguri il tanto atteso quadrimestre del meglio che l’Italia produce.

La Banda dei Carabinieri esegue l'Inno Nazionale Russo nella sede dell'Ambasciata Italiana a Mosca


Dieci grandi teche di cristallo disposte sul ponte davanti alla Cattedrale di Cristo Salvatore, visibili da mezza Mosca, esporranno il meglio della produzione italiana, dalla Ferrari alla Vespa, passando per moda, design e agroalimentare. Mentre sull’isola di Ottobre Rosso inaugurerà la manifestazione Enel con una mostra sull’elettrificazione italiana e con l’opera d’arte che nel 2010 ha vinto il premio EnelContemporanea: una grande costruzione di vetro piena di farfalle, simbolo di leggerezza e di lotta all’inquinamento.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta