Mosca frena sui grattacieli

Le autorità della capitale russa stanno mettendo a punto un piano per limitare la realizzazione di nuovi grattacieli nel centro città (Foto: Itar Tass)

Le autorità della capitale russa stanno mettendo a punto un piano per limitare la realizzazione di nuovi grattacieli nel centro città (Foto: Itar Tass)

Nella capitale russa si sta studiando un piano per limitare la realizzazione di edifici troppo alti che potrebbero rovinare l'armonia dell'agglomerato storico

Le autorità di Mosca stanno pianificando di limitare la costruzione di grattacieli nei quartieri antichi della città. In base a quanto riferito a Rbc Daily da Aleksandr Kibovskij, responsabile del dipartimento per il Patrimonio Culturale della città, il provvedimento in questione è già stato inserito nella normativa edilizia. Le norme previste per i quartieri Bulvarnoe Koltso e Sadovoe Koltso sono già in fase di applicazione. I quartieri interessati sono circa cinquecento.

“In generale alla gente piace che in primo piano ci siano gli edifici storici, eleganti, belli e pomposi, e sullo sfondo gli alti grattacieli. Questo trasmette una certa energia, il senso del tempo e si contrappone all’ambiente urbano. Quando però il paesaggio urbano sovrasta la componente storica e i dettagli, allora è diverso. Non va bene. Ma in linea di principio è bella la presenza contemporanea di diverse dimensioni temporali, spaziali e culturali”, ha detto alle telecamere di City-Fm il preside dell’Istituto Superiore di Urbanistica Aleksandr Vysokovskij all’Istituto Superiore di Economia.

Le autorità promettono provvedimenti che interessano gli edifici alti di tutti i quartieri di Mosca. “In generale, un provvedimento che interessi i grattacieli è indispensabile. Bisogna valutare a seconda del caso. Il progetto che è stato avviato per il Bulvarnoe Koltso e il Sadovoe Koltso è assolutamente necessario”, afferma Vysokovskyj.

“Nei nuovi quartieri ci sono casi in cui si può anche non limitare l’altezza, mi riferisco allo sviluppo di nuove aree. Di fronte a questioni di questo tipo non si deve procedere in modo univoco. Sicuramente è importante tutelare il patrimonio storico, è stato necessario limitare la costruzione di edifici troppo alti nel centro di San Pietroburgo. Allo stesso tempo è bene capire che ci sono possibilità di sviluppo per l’economia attuale, che nulla impedisce alle persone di avere l’opportunità di raggiungere i propri obiettivi, di contribuire all’economia”, ha spiegato l’esperto.

“L’edilizia deve andare avanti. La città è un tessuto vivo. Non è possibile trasformarla in un museo. Il punto è: chi e come costruisce, con quali obiettivi e per quali ragioni, chi regola l’intero processo, come questa persona si pone di fronte al parere dei cittadini. In ogni caso, non è possibile interrompere queste attività, le si deve regolare pensando al bene di tutti”, ha concluso Aleksandr Vysokovskij.

L'articolo originale è stato pubblicato su Rbc Daily

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta