Godersi Mosca con poco

Un turista consulta una mappa di Mosca davanti al Cremlino (Foto: Legion Media)

Un turista consulta una mappa di Mosca davanti al Cremlino (Foto: Legion Media)

Hotel economici e ostelli per viaggiatori di basse pretese, che vogliono visitare la capitale russa a prezzi accessibili

Spunta un numero crescente di alberghi economici e ostelli a cui viaggiatori avventurosi possono accedere per godere di Mosca, questa incredibile città, indipendentemente dal loro budget.

I numeri

Nel 2011 125.062 italiani hanno visitato la Russia, 60.468 di essi sono entrati nel Paese per business

Molti ostelli sono sparsi per la periferia di Mosca, con letti in dormitori da un minimo di 400 rubli (circa 10 euro). Naturalmente, ci sono spesso inconvenienti in questo tipo di alloggio: le condizioni possono essere non ottimali, la posizione scomoda e il personale può parlare solo russo e/o essere incredibilmente scontroso.

Ma ci sono delle eccezioni felici in tutta la città. L'ostello "più grande e più noto" di Mosca è Godzillas, aperto dal 2005. Ha camere dormitorio per 900 rubli (o meno se è si riesce ad ottenere una delle loro limitate offerte di "letti scontati") o camere doppie da 2.500 rubli. Di proprietà inglese e conduzione americana, è grande, centrale, con connessione wi-fi e uno staff multilingue; esiste poi una filiale nella pittoresca città di Suzdal, ed è migliore. 

Un altro posto molto centrale è il Day 'n' Night Hostel, che si descrive come "cinque minuti a piedi o due minuti di corsa" dal Cremlino. Spazi con sei letti partono da 800 rubli e si può ottenere una camera doppia per 2.400 rubli. I gestori dell'ostello hanno pensato a quanto possa essere difficile raggiungere Mosca per uno straniero e la versione in lingua inglese del loro sito Web contiene istruzioni dettagliate (e anche un video) su come arrivare all'ostello dalla stazione della metropolitana Lubjanka. L'area immediatamente circostante la struttura è a portata di mano di bar e ristoranti economici e di gemme, come il Museo Majakovskij, dove un condominio sovietico è stato trasformato in un enorme museo. 

Il nuovo Fabrika Hostel, anche "spazio d'arte", è stato aperto nella vecchia fabbrica di cioccolato “Krasnyj Oktjabr" ("Ottobre Rosso"), proprio di fronte alla Cattedrale del Cristo Salvatore, attraversando il fiume, e sul canale dal giardino delle sculture Muzeon. Ha stanze-dormitorio per 550 rubli e suite doppie da 3.000 rubli, il tutto in una delle zone più alla moda di Mosca, piena di locali lungo il fiume e gallerie. Se sei un artista e regali loro uno dei tuoi quadri, puoi dormire gratuitamente. 

L'unico hotel economico, con un brand a livello internazionale, è l'Ibis, nel centro di Mosca; la nuovissima struttura si trova nei pressi della stazione di Paveletsky, dove c'è il treno express per l'aeroporto di Domodedovo. Camere a partire da 3.500 rubli a notte, con sconti in estate.

Molti alberghi più economici sono un po' fuori dal centro. Questo non deve essere uno svantaggio. Essi sono di solito vicino alla metropolitana di Mosca e le zone in cui si trovano gli hotel sono molto interessanti di per sé. Nello "Sherstone Number 1 Hostel" è possibile ottenere un letto in una stanza dormitorio per 650 rubli. Lo Sherstone, che pretende di essere "il più antico ostello superstite a Mosca", dispone anche di camere private da 2.200 rubli. Appartengono allo stesso gruppo due alberghi, uno dei quali si trova nella zona di Sokol, vicino allo sperimentale villaggio sovietico degli artisti, tra casette di legno e aceri.

L'originale "Hotel Sherstone" è in Petrovsko-Razumovskaya, non lontano dalla foresta Timiryazevsky. Sherstone organizza anche soggiorni in famiglie ospitanti, dove si può vivere con una famiglia russa nel loro appartamento, per una reale esperienza nella capitale. 

Il tre stelle Yunost Hotel dispone di camere singole o doppie con bagno da 3.200 rubli. L'area circostante, Luzhniki di Mosca, è ben collegato (dalla metropolitana Sportivnaya è a soli dieci minuti dal centro), ma ha anche alcune grande attrazioni turistiche nelle sue vicinanze: il monastero Novodevichy e il cimitero, Vorobevye Gory con un mercato di souvenir a buon mercato e una bella camminata attraverso il parco verde lungo il fiume Mosca.

L'Izmailovo Gamma-Delta hotel fu costruito per le Olimpiadi di Mosca e rivendica di essere il più grande hotel in Europa, con migliaia di camere. Ha singole con bagno e doppie a partire da 3.700/3.800 rubli (meno nei fine settimana) e - come molti posti - c'è il wifi gratuito. Molto vicino alla metropolitana Partizanskaya, dove si arriva subito a Ploschad Revolutsii, è accanto al mercato dei souvenir più grande e più economico di Mosca, Izmailovo, dove è possibile acquistare di tutto, dai cappelli di pelliccia all'argento antico fino ai vassoi dipinti e alle matrioshke. Le grigliate all'aperto di shashlyk, tra i migliori della città, a 300 rubli; vi è il museo della vodka al piano di sopra del colorato Cremlino. 

The Golden Wheat-sheaf hotel risale alla costruzione della favolosa fiera VDNKh. Camere doppie a partire da 3.000 rubli e camere con quattro posti letto per lo stesso prezzo se si è felici di utilizzare bagni in comune. Vicino e più economico, Hotel VVTs dispone di camere doppie da 1.800 rubli (con bagno in comune). Se non parlate russo, potrebbe essere più complicato, ma è possibile pagare a letto (500 rubli in un dormitorio di 6 letti) o a camera. Entrambi gli hotel sono vicini alla stazione metro VDNKh, in modo da poter essere nel cuore della città vecchia in dieci minuti, ma è vale anche la pensa visitare il parco di VDNKh (ora VVTs), aperto nel 1930 come fiera agricola. Qui si può ammirare l'architettura sovietica in tutte le sue stravaganze: fontane d'oro, mosaici e murales, sculture del socialismo realista o ghirlande di frutta in ceramica. Un luogo che rende Mosca una meta interessante: è così grande, estendendosi per due chilometri, che si potrebbero trascorrere settimane ad esplorarlo, ed è diverso da qualsiasi altra parte del mondo: è pieno di sorprese e - ancora meglio - è gratis .

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta