Putin, 100 giorni di Presidenza

Vladimir Putin nel giorno del suo insediamento al Cremlino per il terzo mandato presidenziale (Foto:  Reuters / Vostock Photo)

Vladimir Putin nel giorno del suo insediamento al Cremlino per il terzo mandato presidenziale (Foto: Reuters / Vostock Photo)

Un bilancio sociale, politico ed economico, a tre mesi dall'insediamento di Vladimir Vladimirovich al terzo mandato al Cremlino

Le manifestazioni di massa, con le quali la classe media di Mosca rispose alla vittoria elettorale di Putin e al suo ritorno al Cremlino a maggio 2012, si sono trasferite questa estate sui social network. 

I cento giorni

I primi cento giorni di Vladimir Putin, nel 2000, furono caratterizzati dalla guerra cecena. I secondi cento giorni, nel 2004, hanno lasciato un minor numero di ricordi, perché furono accompagnati da una calma politica. I cento giorni al 15 Agosto 2012 passeranno alla storia come il tempo dei capovolgimenti sociali

La possibilità che la Russia torni di nuovo sulla strada non è esclusa. Una nuova manifestazione di massa è prevista a Mosca il 19 agosto 2012, anniversario del colpo di Stato del 1991. Tuttavia, "siamo riusciti a evitare che il sistema politico del Paese adotti misure apertamente repressive contro i cosiddetti dissidenti e manifestanti", ha detto l'amministratore delegato del Centro per l'informazione politica Alexei Mukhin.

Tuttavia, le autorità potrebbero continuare a "stringere le viti", se si pensa al processo, ingiusto per molti russi, alla band delle Pussy Riot e alle perquisizioni presso i rappresentanti dell'opposizione. Un fattore più importante sono le leggi approvate in fretta, che complicano le attività delle Ong, inaspriscono le sanzioni per le violazioni in occasione di eventi pubblici e prevedono una responsabilità penale per la diffamazione.

La preoccupazione non è tanto causata dalle leggi stesse ma per la pratica russa di applicazione della legge, per cui queste leggi apparentemente di buon senso possono diventare strumenti di repressione dell'opposizione.

È vero che la legislazione russa è stata completata quasi contemporaneamente da leggi relativamente liberali: la procedura di registrazione dei partiti politici è stata semplificata e, nonostante alcune limitazioni, l'elezione diretta dei governatori regionali è stata ripristinata.

"Gran parte del movimento di protesta ha adottato le nuove regole del gioco. Senza sorprese, 126 partiti sono stati registrati e la concorrenza delle élite nella preparazione delle elezioni per il primo governatore è aumentata drammaticamente", riferisce il direttore generale dell'Agenzia di comunicazione per le politiche economiche, Dmitri Orlov.

Ma Orlov è contraddetto dall'esperto dell'Istituto di Studi umanitari e politic Vladimir Slatinov, il quale ritiene che le preoccupazioni circa un nuovo giro di vite sia giustificata e che l'atmosfera nella società sia diventata più conflittuale.

Per attenuare tale confronto, l'autorità sta sviluppando approcci non solo giuridici, ma anche organizzativi. Nel gennaio 2013, partirà un canale pubblico la cui politica editoriale sarà indipendente dal Cremlino o da qualsiasi partito politico. Molti organi consultivi sono stati creati con l'amministrazione statale, nelle quali lavorano i leader dell'opposizione. Ad esempio, sono stati invitati a lavorare nel Consiglio civile del Ministero dell'Istruzione e della Scienza, uno dei partecipanti più attivi delle proteste di primavera, lo scrittore Dmitri Bykov e Irina Prokhorova, sorella del fondatore del partito liberale Piattaforma Civica, Mikhail Prokhorov.

Questo può portare a dubitare che Putin sia riuscito a condurre una linea politica definita al termine dei primi 100 giorni della sua Presidenza. Recenti sondaggi dimostrano, tuttavia, che il Presidente è supportato da quasi la metà della popolazione. In un tale equilibrio di potere, cerca di mantenere un equilibrio tra gli opposti orientamenti politici possono essere considerati manifestazioni di ragionevole flessibilità politica.

La situazione è peggiore nel campo dell'economia, dove i cambiamenti strutturali non sono davvero iniziati. "Il compito fondamentale di Putin è quello di fare una croce sul modello economico che è emerso nel corso degli ultimi 12 anni sotto lo stesso Putin e che è caratterizzato da una dipendenza eccessiva dell'economia russa sulle esportazioni di materie primein Occidente -, afferma l'analista politico Pavel Sviatenkov. - Se l'economia russa continua a crescere sotto l'attuale scenario, si accumula una forte vulnerabilità. Vi è anche una degradazione delle forze armate e dell'industria, e tutto ciò minaccia di distruggere lo Stato se i prezzi del petrolio crollassero".

Speriamo che la situazione non porti al collasso dello Stato. Ma ci sono problemi economici generali al cuore della protesta politica. Più questi problemi sono profondi, più le proteste sono attive. Molti economisti russi suggeriscono la necessità di una strategia economicamente conveniente. "Ma è difficile elaborare una strategia in un contesto di costruzione politica, che deve coinvolgere qualche compromesso", ha detto Slatinov. Una tale opinione è supportata da altri suoi colleghi, che chiedono di smantellare la "verticale del potere" creata da Putin e di sviluppare l'autonomia politica regionale e locale. 

Putin potrebbe affrontare questi problemi in un prossimo futuro, dopo aver realizzato durante i suoi primi cento giorni al Cremlino uno dei compiti più importanti: dimostrare la legittimità del suo mandato come Presidente. "La società, compresa l'opposizione, ha riconosciuto che aveva vinto le elezioni e che lui era il legittimo Presidente", dice Sviatenkov.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta