Expo 2015, la Russia ci sarà

In un incontro bilaterale tra il vice ministro dell'Industria Georgi Kalamanov e il presidente della Lombardia Roberto Formigoni, la Federazione ha confermato la sua presenza all'evento internazionale che si terrà a Milano

La Russia conferma la sua partecipazione all'Expo 2015 di Milano. La notizia arriva da Yeosu, Corea del Sud, dove l'11 agosto 2012 si è svolto il Bie Day, evento in cui l'Expo Internazionale di Yeosu ha lasciato il testimone a Expo Milano 2015.

Foto: Ufficio Stampa / Lombardia Notizie

Il presidente della Regione Lombardia
e commissario all'Expo 2015
Roberto Formigoni, a sinistra,
con il vice ministro russo dell'Industria
Georgi Kalamanov

(Foto: Ufficio Stampa /Lombardia Notizie)

Presente per Milano il presidente della Regione Lombardia e commissario generale per Expo 2015 Roberto Formigoni che ha ricevuto il seguente messaggio durante l'incontro bilaterale con il vice ministro russo dell'Industria Georgi Kalamanov. "Sono lieto di informarla - si legge nella lettera indirizzata al governatore lombardo - che il governo della Federazione Russa ha approvato la partecipazione della Federazione all'Expo di Milano 2015 con la costruzione di un padiglione nazionale".

In questo modo è stata formalizzata la partecipazione della Russia all'Expo di Milano. Nella stessa missiva si conferma l'intendimento di procedere alla firma del contratto di partecipazione in occasione dell'International Participants Meeting in programma a ottobre 2012 a Milano.
 

"L'adesione della Russia - ha commentato Roberto Formigoni - conferma l'attenzione dei grandi partner mondiali all'appuntamento di Milano. Nel caso della Russia e della Cina questa attenzione si concretizzerà nei prossimi mesi con la firma del contratto e, dunque, con investimenti sul nostro territorio".

 

Da parte russa, intanto, in risposta alla sollecitazione del commissario generale di riservare attenzione ai temi dell'alimentazione nelle prossime
presidenze di turno russe del G20 nel 2013 e del G8 nel 2014, il vice ministro Kalamanov ha anzitutto assicurato un esame approfondito del documento strategico dell'Expo 2015 presso le amministrazioni russe competenti. Questi stessi temi, infatti, costituiranno per il governo russo una priorità in entrambe le occasioni menzionate.

"Sono molto soddisfatto - ha commentato Formigoni - che anche Mosca intenda mantenere vivo nell'agenda dei Grandi del mondo il filo rosso della sostenibilità alimentare".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta