Ucraina, sì a legge sulla lingua russa

Con la firma del presidente Viktor Yanokuvoch, l'idioma di Tolstoj diventa ufficiale in buona parte del Paese

Il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha firmato una legge che fa della lingua russa l'idioma ufficiale in una dozzina di regioni del Paese.

 

Approvata dal Parlamento il 3 luglio 2012, la legge definisce le linee guida statali in materia linguistica, ampliando sostanzialmente l'impiego del russo in quelle zone dove è considerata lingua nativa almeno per il 10 per cento della popolazione. Con questo provvedimento, la lingua i Tolstoj diventerà la seconda lingua ufficiale in 13 dei 27 distretti amministrativi dell'Ucraina. 

 

Secondo alcuni sondaggi, una percentuale compresa tra il 33 e il 55 per cento della popolazione considera il russo la propria lingua madre.

 

Allo stesso modo, la legge rafforza il ruolo anche di altre lingue minoritarie, come il tataro di Crimea che avrebbe invece un ruolo regionale in questa zona.

 

L'adozione di questo provvedimento ha avuto un ruolo chiave nella campagna politica di Yanukovich.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta