Il passato sovietico in mostra

Settant’anni di ritratti raccolti in un’unica mostra al Centro di Fotografia Fratelli Lumière di Mosca


"Noi" è una mostra che raccoglie trecento fotografie dell’epoca sovietica. Gli organizzatori hanno recuperato opere provenienti da fondazioni e collezioni private, risalenti ad un arco di tempo che va dal 1910 all’inizio della Perestrojka. La collezione permanente della galleria occupa la parte centrale dell’esposizione.

Accanto ad immagini già riconosciute come classici del mondo dell’arte, la mostra presenta ai suoi visitatori l’opera di fotografi sconosciuti ma comunque non meno di talento rispetto ad altri: Vladimir Lagrange, Igor Gnevashev, Pavel Krivcov, Valery Pervencev, Yuri Lunkov ed altri artisti mai esibiti prima o le cui fotografie non erano mai state stampate.

La mostra presenta anche una selezione completa di ritratti di bambini e di fotografie a colori estratte dalle copertine delle popolari riviste sovietiche Spark, Soviet Union, Soviet Photo e Female Worker.

"Volevamo creare un progetto bello e realistico che unisse tutti noi, qualcosa che ci facesse rivivere positivamente il passato e che potesse fungere da ponte tra passato e futuro. Non ci sono fotografie ‘aliene’. Ciascuna di esse appartiene a qualcuno. Le immagini hanno per protagonisti i nostri nonni e bisnonni, i nostri genitori e le persone che ci circondano. E i ritratti individuali vanno a costituire il ritratto di gruppo di un’intera generazione che ci racconta tutto sul nostro paese e la sua gente”, affermano gli organizzatori della mostra.

La mostra resterà aperta fino al 16 settembre 2012.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta