Maculato tutto l'anno

Foto: PhotoXpress

Foto: PhotoXpress

Mosca vista dal basso di un'italiana. I post
Credit: Niyaz Karim

Credit:

Niyaz Karim

7 luglio 2012

Leopardato, tigrato, zebrato, pitonato: Mosca tutto l'anno è una giungla. Il maculato, infatti, è la fantasia modaiola più diffusa nell'armadio delle moscovite. D'estate come d'inverno, perché il cambio delle stagioni non fa passare quell'amore smodato per lo stile animalier.

Così, abiti e accessori in stampa maculata rendono più feline e graffianti, dalla testa ai piedi, le russe di ogni età, dalle più giovani a quelle più mature senza differenza, e mi rimandano all'improvviso agli anni '80 di Tina Turner, un periodo che credevo ormai demodé e che qui per strada, negli uffici e nei locali risulta ancora molto in voga.

Foto: PhotoXpress

Anche d'estate non si rinuncia

allo stile animalier in Russia

(Foto: PhotoXpress)

Quanto a pagarne le spese non sono anche i cuccioli-gadget, rivestiti anche loro in tema, con fiocchi, nastri, collari, guinzagli, all'interno di borse da viaggio o tra le braccia delle Paris Hilton della Federazione. E non credano gli uomini di non subire in prima persona il fascino dell'animal print. Spesso, infatti, i sedili delle auto, quasi sempre truccate e customizzate, non possono che non essere di stoffa leopardata.

E come non ritirare in ballo i tassisti (abusivi, ovviamente), che sfoggiano quasi sempre sulle vecchie Lada poltrone rivestite di finta tigre, spaziando poi su toni zebrati o leopardati. A seconda dei gusti. Rivestimenti spesso impolverati e macchiati, dove qualche cliente dimentica pacchetti di sigarette vuoti o lascia vecchi scontrini sul sedile.

Chiamatelo vintage, se volete. Una sola cosa è certa: questa fiera del chiazzato, che noi occidentali guardiamo spesso con presunzione, è una di quelle cose che ti fanno sentire veramente in terra di Russia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta