Cinema, la Russia sul red carpet

Tre le pellicole della Federazione scelte per il Festival di Venezia: in concorso, “Izmena” (Il tradimento) di Kirill Serebrennikov, insieme ai lavori di Alexei Balabanov e Lubov Arkus

Ci sarà anche la Russia sul red carpet della 69esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, la prima senza Muller. I film sono infatti stati annunciati il 26 luglio 2012 a Roma: in concorso, insieme alle pellicole italiane di Marco Bellocchio, Daniele Ciprì e Francesca Comencini, anche “Izmena” (Il tradimento), del russo Kirill Serebrennikov. Il film racconta la storia di come due sconosciuti vengono a conoscenza dei tradimenti dei rispettivi partner.

Scritta dal regista stesso insieme all’attrice sovietica Natalia Nazarova, l’opera è interpretata dall’attore macedone Dejan Lilic e dalla tedesca Franziska Petri.

“Se devo essere onesta, rientrare nella sezione principale dei film in concorso a Venezia, per noi è già una grande vittoria – ha dichiarato Sabina Eremeeva, producer del film -. Speriamo che il Festival si riveli una buona occasione per lanciare il nostro lavoro”.

Insieme a Serebrennikov, sul grande schermo del Lido verrano proiettati anche “Ja Tozhe Hochu” (Anch’io lo voglio), di Alexei Balabanov, inserito nella sezione “Orizzonti” e “Anton tut ryadom” (Anton è qui vicino) di Lubov Arkus, fuori concorso nella sezione “Proiezioni speciali”.

Tra le pellicole di “80”, sezione retrospettiva di film rari provenienti dall’Archivio Storico della Biennale, è stata scelta anche quella sovietica “Poslednaja noch” (L’ultima notte) di Yuli Rajzman, risalente al 1936.

Il Festival, vinto nel 2011 dal "Faust" del russo Aleksandr Sakurov, si svolgerà dal 29 agosto all'8 settembre 2012. A inaugurare la manifestazione sarà l'attrice di origine polacca Kasia Smutniak, madrina dell'evento, moglie del compianto Pietro Taricone e attuale compagna di Domenico Procacci.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta