Monti e Putin a Sochi, la diretta

Il premier italiano, in Russia in visita di Stato, è volato a Sochi per un faccia a faccia con il Presidente della Federazione

Dopo i due giorni a Mosca e gli incontri con il primo ministro russo Dmitri Medvedev, il premier italiano Mario Monti è volato a Sochi per incontrare il Presidente della Federazione, Vladimir Putin, nella sua dacia estiva. Russia Oggi segue gli sviluppi di questo faccia a faccia: nella dacia presidenziale sul Mar Nero i temi sul tavolo saranno crisi, rapporti italo-russi, dossier siriano, Nato.

13.00 (ora di Mosca) A ottobre in Italia si terrà il prossimo vertice intergovernativo italo-russo, l'ottavo. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Mario Monti, dopo l'incontro a Mosca con il premier russo, Dmitri Medvedev, prima di volare a Sochi da Vladimir Putin. "Poi speriamo che sia organizzata la 13ma sessione del Consiglio di cooperazione economico-finanziaria", ha aggiunto Monti.

16.00 "Sono molto contento di avervi qui", ha esordito Vladimir Putin, rivolgendosi alla delegazione italiana guidata dal presidente del Consiglio Mario Monti.

16.30 Nell'incontro in corso a Sochi con Putin, Monti ha affermato che è sua intenzione dare seguito all’operato del governo precedente, per rafforzare i rapporti con la Russia, così come riporta l’agenzia di stampa Ria Novosti. “Attribuiamo un’importanza strategica alle relazioni con la Federazione Russa”, ha affermato il premier italiano, sottolineando che “il governo precedente ha sempre dato grossa importanza ai rapporti con la Russia”.

“È mia intenzione -  ha precisato Monti -, continuare su questa strada, rafforzando le relazioni nel campo economico, industriale, culturale e civile”.

“La difficile situazione che sta vivendo l’Eurozona dimostra che dobbiamo rinsaldare i legami economici, e da questo punto di vista la Russia si dimostra per noi un importante punto di partenza”, ha aggiunto Monti, precisando poi che l’Italia si rapporta alla Federazione in maniera molto positiva.

}

16.40 “Stiamo vivendo tempi molto duri. Difficoltà che si percepiscono soprattutto in Europa. Comunque mi rende molto felice vedere che con l’Italia siamo in grado di mantenere relazioni profonde e positive, nonostante i cambiamenti nello scenario mondiale e all’interno dei nostri Paesi”, ha dichiarato il Presidente russo Vladimir Putin, che ha aggiunto: “L’interscambio commerciale è poi molto ampio: nel 2011 è aumentato del 25 per cento, sfiorando i 45,9 miliardi di dollari. Ma mancano ancora 7 miliardi di dollari per tornare ai livelli pre-crisi”.

17.10 “L’Italia è uno dei Paesi con i quali abbiamo stretto un gran numero di accordi, soprattutto con le regioni – ha aggiunto Putin -. Ci sono molti importanti progetti in corso. E voglio ricordare che, nonostante la grave crisi mondiale, nemmeno uno dei nostri progetti è andato in fumo. Al contrario: continuano a crescere con successo”.

17.15 Il presidente del Consiglio Mario Monti ha nuovamente sottolineato il grande contributo apportato dal suo predecessore, Silvio Berlusconi, in materia di rapporti Italia-Russia, sottolineando di voler continuare su questa strada. “Voglio ringraziarvi ancora una volta dell’invito – ha affermato Monti -. So che la Russia si impegnerà molto non solo per uno sviluppo economico, ma anche per rinsaldare i rapporti con gli altri Paesi e, in particolar modo, con l’Italia”.

18.00 Al termine dell’incontro, il Presidente russo Vladimir Putin ha affrontato anche la questione siriana. Putin ha fatto presente, step by step, le azioni necessarie per risolvere il conflitto: “Bisognerebbe arrivare a un cessate il fuoco, fermando la violenza da entrambe le parti; è necessario ottenere il dialogo, cercare soluzioni e definire le basi costituzionali di uno stato futuro. Se non sarà così, regnerà il caos”.

Il presidente del Consiglio italiano Monti ritiene invece che il modo migliore per risolvere la situazione sia creare un governo di transizione, così come è avvenuto in Libano. Una soluzione che non può però essere portata a termine senza il sostegno della Russia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta