Monti a Mosca sigla sei accordi

Il tavolo delle firme degli accordi bilaterali Italia-Russia durante la visita di Stato a Mosca del presidente del Consiglio italiano Mario Monti (Foto: Itar-Tass)

Il tavolo delle firme degli accordi bilaterali Italia-Russia durante la visita di Stato a Mosca del presidente del Consiglio italiano Mario Monti (Foto: Itar-Tass)

Durante la visita del presidente del Consiglio italiano in Russia sono stati firmati importanti documenti d'intesa, riguardanti energia, banche e infrastrutture

La compagnia russa Rosneft e l’italiana Eni hanno firmato un accordo finanziario nell’ambito di un progetto siglato in precedenza, per l’esplorazione del Mar Nero e del Mare di Barents, così come riporta l’agenzia Ria Novosti. La firma è avvenuta durante l’incontro tra i premier russo Dmitri Medvedev e quello italiano Mario Monti. Monti è infatti a Mosca per condurre una serie di trattative.


Il presidente del Consiglio italiano Mario Monti

durante la sua visita nella Federazione

parla di economia, crescita e sviluppo,

senza dimenticare l'eredità culturale

che lega i due Paesi

L’accordo rientra in un progetto di cooperazione strategica firmato il 25 aprile 2012. Il documento prevede l’esplorazione congiunta del Mar Nero e del Mare di Barents in territorio russo, lo scambio di tecnologie e personale, e la partecipazione di Rosneft nei progetti internazionali di Eni.


A Mosca sono inoltre stati siglati altri accordi italo-russi: in particolare, il protocollo di intenti tra Northern Caucasus Resort e il gruppo italiano De Eccher; un accordo per la costituzione di un fondo comune tra Gazprombank e Intesa Sanpaolo, così come un accordo strategico tra Poste Italiane, la compagnai Selex Elsag e Poste Russe.

Oltre a ciò, è stato firmato un accordo di credito tra banca Vtb, Intesa San Paolo, Cassa Depositi e Prestiti, che prevede la collaborazione italiana per la costruzione di appartamenti, alberghi, uffici e infrastrutture, per un ammontare di circa 276 milioni di euro di investimenti.

Il testo è stato pubblicato su Ekspert

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta