Turismo, russi all'assalto dell'Italia

Foto: Photoxpress

Foto: Photoxpress

In aumento in Europa i turisti dalla Federazione. Un trend che interessa anche il Belpaese: tra gennaio e marzo 2012 più di 200mila visitatori dell'Est

Gli alberghi, in Europa, parlano sempre più russo. Lo dimostra la ricerca “Balancing Russia’s tourism deficit: a report on the fruture of the industry” commissionata da Hilton Worldwide, secondo la quale il mercato russo del turismo è in continua ascesa, non solo nel Belpaese. Con previsioni di crescita di gran lunga superiori rispetto a quelle di altri Paesi europei: si calcola infatti che entro il 2016 il turismo proveniente dall’Est potrebbe aumentare fino a 60 milioni di viaggiatori, a fronte dei 40 milioni registrati nel 2011 (+7,4 per cento). Per una spesa che nei prossimi quattro anni potrebbe aggirarsi attorno ai 67,1 miliardi di dollari.

La Piazza Rossa si prepara

ad ospitare un centro informazioni

dove verranno fornite

mappe della città e notizie utili

Un aumento sei volte superiore rispetto alla media dei turisti provenienti dall’Europa occidentale, ferma all’1,2 per cento, e due volte superiore rispetto a quella dell’Europa orientale, al 4,8 per cento.

Nella lista dei Paesi europei più battuti, ai primi posti spicca l’Italia, insieme a Francia e Spagna, che risultano tra le mete preferite dagli ospiti dell’Est grazie ai servizi, alle spiagge cristalline e alle offerte culturali, commerciali ed enogastronomiche. Seguono  Finlandia, Germania, Grecia, Turchia e Gran Bretagna, che insieme alle top-3 hanno registrato nel giugno 2012 un 26 per cento di arrivi dalla Federazione sul totale del turismo estero.

Analizzando la situazione più in dettaglio, emerge che tra gennaio e marzo 2012 l’Italia ha ospitato 207mila russi, che hanno speso 234 milioni di euro, a fronte dei 151mila turisti russi dello stesso periodo del 2011, la cui spesa è stata pari a 174 milioni di euro. Un aumento esponenziale, confermato anche dal trend positivo registrato dagli alberghi: +34 per cento di russi all’hotel Rome Cavalieri rispetto al 2011; +16 per cento all’Hilton Milan.

Secondo lo studio, sono in crescita i russi che prenotano le proprie vacanze direttamente su Internet: un dato confermato dalle vendite registrate nel 2011, pari a 4,9 milioni di sterline. Un business che nei prossimi mesi, grazie soprattutto alla diffusione dei voli low cost, potrebbe aumentare del 27 per cento. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta