Un contratto per i volontari

Volontari al lavoro per l'emergenza Krasnodar (RIA Novosti / Valery Melnikov)

Volontari al lavoro per l'emergenza Krasnodar (RIA Novosti / Valery Melnikov)

Dopo l'alluvione di Krasnodar, una proposta di legge della Camera pubblica per regolamentare le organizzazioni russe del terzo settore

La Camera pubblica russa ha avanzato l’idea che i volontari debbano lavorare sotto contratto. Una proposta il cui scopo sarebbe quello di aiutare i volontari a coordinare i termini del loro lavoro con agenzie legali, semplificando così le procedure contabili. L'idea arriva dopo l'esperienza di aiuto per l'alluvione di Krasnodar. Ma i rappresentanti delle Ong si dimostrano scettici in merito alla questione.

Grigory Kuksin ad esempio, capo del progetto per la sicurezza contro gli incendi di Greenpeace Russia, è convinto che una simile iniziativa potrebbe scoraggiare il crescente movimento di volontari nella Federazione. "La pratica di passare leggi volte a promuovere attività di volontariato è altamente negativa in questo Paese, come testimoniato dalla legge sulle attività di volontariato antincendio. Ci sono timori persistenti che la legge sia piuttosto volta a introdurre ulteriori problemi burocratici ", ha commentato Kuksin. 

Darya Miloslavskaya, capo degli Avvocati russi per il Consiglio della società civile, redattrice della legge, ha spiegato che la logica alla base della proposta era la necessità di "razionalizzare la spesa volontari." "Non è giusto quando una persona va a aiutare qualcuno e poi il rimborso del prezzo del biglietto è considerato essere il suo reddito a tal punto che il volontario è tenuto a pagare tasse del 13 per cento sul reddito ", ha spiegato la Miloslavskaya.

La Miloslavskaya ha anche sottolineato che unaa responsabilità sulle spese del volontariato è necessaria perché, allo stato attuale, "nessuno, è responsabile di ciò che il volontario fa: né l'organizzatore del lavoro dei volontari, non lo stesso volontario. Se riusciamo ad ottenere appositi centri del movimento del volontariato, essi saranno responsabili di ciò che il volontario ha fatto, giusto o sbagliato. Naturalmente, non è una questione di pena, ma quelli che organizzano il movimento volontario devono lavorare all'interno di un quadro giuridico", ha aggiunto.

L'iniziativa ha il sostegno del partito di governo Russia Unita. L'opposizione, però, sospetta che ci siano più profonde motivazioni politiche dietro la proposta di legge. Ilya Ponomaryov, un deputato della Duma per il partito Russia Giusta, ritiene che le autorità si stiano muovendo contro i volontari, dopo la risposta alle inondazioni nel territorio di Krasnodar.

"Le persone sono diventate più attive. Naturalmente, questo è collegato con gli eventi in Krymsk. Le autorità sono arrabbiate di trovarsi al centro dell'attenzione pubblica. Hanno trovato una risposta, come hanno fatto con la legge sulle Ong, la legge sui raduni pubblici", ha denunciato Ponomaryov. 

La misura non arriverà alla Duma di Stato prima della sessione autunnale. Sergei Zheleznyak, il vicepresidente della Duma di Stato e membro di Russia Unita, ha detto: "Invitiamo le organizzazioni di volontariato a formulare le loro proposte in modo calmo. Indubbiamente, la maggior parte di loro ha proprie caratteristiche distintive, che la legge deve riflettere. La sessione autunnale non si apre fino a settembre e tutte le proposte presentate saranno esaminate e prese in considerazione".

I membri delle organizzazioni di volontariato sono contrari all'idea. "Il concetto dice che i volontari sono persone che agiscono per conto di persone giuridiche. In altre parole, li vedono come un'appendice ad un centro legale registrato di volontari che manda le persone in luoghi diversi a propria discrezione. Si tratta di una interpretazione errata di ciò che è fondamentalmente il volontariato", ha detto Evgeny Grekov, fondatore di un'organizzazione non registrata chiamata Volontari sulle ruote. Grekov attribuisce la proposta alla "volontà delle autorità di controllare tutti per rendere più difficile agli individui di interagire in senso orizzontale".

Mitya Aleshkovsky, un fotografo volontario a Krymsk, parla del progetto di legge come "sciocchezze". "Niente potrebbe essere peggio per il volontariato", ha detto Aleshkovsky. "La burocrazia è buono solo per i burocrati e non per chi vuole veramente aiutare gli altri. Il progetto parla della necessità di concludere un contratto tra un'organizzazione e un volontario. Questo è semplicemente impossibile: alcuni vengono ad aiutare per un solo giorno, alcuni non hanno i documenti. La gente crede in noi e non lo Stato. Le aziende e gli sponsor ci chiamano, e non lo Stato, quando hanno bisogno di aiuto".

L'articolo è stato redatto con informazioni tratte dal quotidiano Kommersant e da Kommersant radio FM

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta