Bandi russi per le imprese italiane

Un nuovo servizio offerto dall'Ambasciata d'Italia a Mosca per gli uomini d'affari del Belpaese che vogliono investire in Russia

È piena estate anche in Denezhnij pereulok 5 e una delegazione del Ministero dello Sviluppo Economico è venuta in visita a Mosca: incontri del ministro Corrado Passera con gli omologhi russi dei Trasporti e dell'Energia, e con il vice primo ministro Arkady Dvorkovich. Approfondito lo stato delle relazioni economiche tra Mosca e Roma, che nel 2011 ha registrato un interscambio di 46,5 miliardi di dollari e la presenza di più di 500 aziende italiane.

 

Dalle parole ai fatti: sul sito dell'Ambasciata d'Italia, e con un link anche su Facebook, ecco la sezione "La finestra delle opportunità", una selezione quotidiana - tradotta in italiano e rivolta ai nostri imprenditori - di bandi di gara emessi dalle Amministrazioni centrali e dagli enti locali della Federazione russa. Un'occasione per le aziende italiane, più o meno specializzate, per partecipare ai diversi bandi di gara pubblicati ogni giorno nella Federazione, dal leasing di automobili a Nalchik alla costruzione di un'autostrada in Kamchatka.

 

Foto: Reuters / Vostock Photo

Non solo l'energia rappresenta il punto forte degli interscambi commerciali Russia-Italia (Foto: Reuters / Vostock Photo)

 

Tanta economia in attesa di giustizia: il 9 e 10 luglio 2012 si è tenuta anche la visita di Paola Severino, ministro della Giustizia, che ha incontrato il suo omologo e - in una breve puntata nella capitale del Nord - anche il presidente della Corte Costituzionale Valery Zorkin.

 

Una settimana finita con atomi e piani urbanistici: giovedì 12 luglio 2012 si è tenuta all'Istituto Italiano di Cultura a Mosca la conferenza del professore Pietro Frè, illustre fisico nucleare e Addetto scientifico dell'Ambasciata, sul bosone di Higgs recentemente scoperto dal Cern di Ginevra anche grazie alla partecipazione italiana; mentre l'11 luglio 2012, nel padiglione "Shkola" della Casa Centrale degli Artisti, ha avuto grande successo la lezione dell'architetto milanese Cino Zucchi sulla sua decennale attività. Dopo aver costruito edifici modernissimi a Bolzano, Tirana e persino nell'intoccabile Venezia, Zucchi è ora a San Pietroburgo per un lavoro a braccetto con Sergej Choban, uno dei più noti architetti russi.

 

Fisica e architettura, gioielli delle eccellenze italiane d'oggi: in attesa che a Mosca, negli edifici di Krasnij Oktjabr, il prossimo 12 settembre 2012 si inauguri il quadrimestre dedicato al meglio del Made in Italy.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta