Capello, ct della Russia pazzo di Tolstoj

Fabio Capello (Foto: Ap)

Fabio Capello (Foto: Ap)

In attesa della firma ufficiale del contratto che porterà Don Fabio sulla panchina della Nazionale, i giornali russi raccontano l'amore del tecnico italiano per la terra degli zar

Sarà Fabio Capello a guidare la Nazionale di calcio della Federazione. La decisione è stata annunciata dal presidente ad interim della Federcalcio russa, Nikita Simonyan, anche se si è ancora in attesa della firma del contratto, che dovrebbe essere siglato nei prossimi giorni. Un sodalizio, a quanto pare, della durata di due anni.

E mentre si attende di conoscere i dettagli dell’accordo milionario, i giornali russi si sbizzarriscono nel ritrarre Don Fabio. Da Rossiyskaya Gazeta, ad esempio, si apprende che l’ex ct dell’Inghilterra “ha una buona familiarità con la letteratura russa”: “Lev Tolstoj – si legge – è infatti uno degli scrittori preferiti del tecnico goriziano”.

Capello a quanto pare non disdegna nemmeno la musica classica, che ama ascoltare nelle serate di relax, mentre tra i suoi pittori preferiti si annoverano l’artista russo naturalizzato francese Marc Chagall e il padre della pittura astratta, Vasily Kandinsky. Una passione, quella per l’arte, che ha portato negli anni Capello a collezionare quadri per un valore di dieci milioni di sterline.

La notizia, annunciata nei giorni scorsi dal capitano della Nazionale russa Andrei Arshavin, che sul suo sito aveva tuonato “È Capello il nostro nuovo ct”, è stata commentata con entusiasmo non solo dai rappresentanti del mondo calcistico russo, ma anche dallo stesso Capello, che ha dichiarato: “Se si concluderà tutto nel migliore dei modi, sarò felice ed orgoglioso. La Russia è una grande nazione”.

“La decisione di nominare Capello allenatore della Nazionale è stata presa oggi (16 luglio 2012, ndr)– ha commentato Simonyan -. Nei prossimi giorni il tecnico italiano insieme al suo staff voleranno a Mosca per definire i dettagli dell’accordo e firmare il contratto. Credo che ciò avverrà mercoledì (18 luglio 2012) o giovedì (19 luglio 2012)”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta